1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Cesena - Vai alla pagina iniziale
Comune di Cesena - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Versione stampabile della pagina

Il Visibile Narrare

Dal 1 dicembre, Galleria Comunale d'Arte

RACCOLTE RISERVATE DI GRANDI ANTIQUARI
STORIE DI DEI E UOMINI NELLA COLLEZIONE CANTORE

IL VISIBILE NARRARE
Cesena Galleria Comunale d'Arte
1 dicembre 2013- 26 gennaio 2014

Comune di Cesena
Assessorato ai Servizi e alle Istituzioni Culturali
www.stamparesrl.it
Mostra a cura di Alessandro Giovanardi

Galleria Comunale d'Arte
Corso Mazzini, 1
ingresso gratuito - orari di apertura:
mattina: mercoledì, sabato e domenica, 9.30 - 12.30
pomeriggio: tutti i giorni, 16.30 - 19.30
25 dicembre 16.30 - 19.30
26 dicembre 9.30 - 12.30 / 16.30 - 19.30
6 gennaio 9.30 - 12.30 / 16.30 - 19.30

info: tel. 0547.355727 - 0547.356327
paganelli_g@comune.cesena.fc.it
www.cesenacultura.it

Visite Speciali

SABATO 25 GENNAIO, ore 17
"RACCONTI DEL SACRO", visita alla mostra "IL VISIBILE NARRARE. STORIE DI DEI E UOMINI NELLA COLLEZIONE CANTORE", a cura di Alessandro Giovanardi, letture di Sabrina Foschini 

entrata gratuita

 
Il Visibile Narrare segna la quarta tappa della fortunata serie Raccolte riservate di grandi antiquari, la collana di mostre e cataloghi ideata da Massimo Pulini per il Comune di Cesena e dedicata a quelli che possonoconsiderarsi dei veri e propri musei segreti. Nell'universo ricco e complesso dell'antiquariato italiano operano, infatti, appassionati cultori della bellezza e della memoria che hanno permesso di rintracciare, restaurare, studiare molte opere d'arte disperse dalla storia o confinate nell'oblio e oggi custodite in prestigiose raccolte pubbliche o private. Essi stessi hanno trattenuto presso di sé singolari selezioni che, nella loro organicità, rappresentano un'affascinante microstoria del gusto e del collezionismo: attorno a questi pregiati nuclei si articolano le esposizioni cesenati.
La rassegna prosegue quest'anno esplorando il lavoro esigente e sofisticato di un affermato conoscitore di opere d'arte, il modenese Pietro Cantore, gallerista e collezionista per tradizione famigliare che rende pubblico il tesoro delle sue preziose acquisizioni. La sua raccolta è ispirata da un'accesa sensibilità per gli aspetti narrativi e dotti dei soggetti rappresentati e
per la profonda cultura letteraria che anima le forme fascinose ed eleganti della pittura. In effetti, la trama che intesse la bella antologia di quadri, è data dall'interpretazione visiva di testi poetici e religiosi, mitologici e filosofici, oltre che dalle "figure retoriche", dalle forme e metafore che
costruiscono il discorso silenzioso, la muta eloquentia, delle arti e dei lorogeneri di "scrittura": l'icona sacra e il ritratto, il paesaggio e la scena di genere, il simbolo e l'allegoria.
Soprattutto questi ultimi segnano la perfetta identificazione tra dipinto e scrittura: lessici arcani composti per figure, quasi ideogrammi o geroglifici, che ricompensano la fatica del lettore con
una saggezza più profonda di ogni discorso.

Il centro da cui irradia il senso della mostra, è appunto il Visibile Narrare,libera parafrasi dantesca, che indica come ogni dipinto antico sottintenda
un testo, un racconto, un insegnamento tolto dalla tradizione grecoromana
o giudaico-cristiana. L'accento si pone innanzitutto sulla visibilità, a sottolineare un elemento imprescindibile della cultura occidentale: la figura ha una propria implicita capacità oratoria ed evocativa, seduce i sensi, i sentimenti e l'intelligenza, li persuade a soffermarsi su un discorso
profondo, a fare silenzio per ascoltarlo. I dipinti posseggono in vero il potere dei maestri della fiaba e del mito, la capacità degli antichi bardi erranti. Ogni pittura è, in sé stessa, un libro.

Una pinacoteca è perciò anche una biblioteca d'immagini, una collezione di scritti fondamentali per la formazione intellettuale e morale, poetica e spirituale dell'uomo occidentale. Per questo la mostra verte anche sulla narrabilità: un dipinto antico può ben essere un valido sostituto per coloro che non sanno leggere né scrivere; è un tassello della Biblia pauperum, rivelazione divina offerta ai semplici per figure. Eppure la stessa pittura, che parla con schiettezza al popolo, riserva finezze letterarie e teologiche a chi ha già dimestichezza con le pagine. Così è per l'eredità classica di Grecia e di Roma: archetipi mitici e figure storiche costituiscono gli exempla tragici e eroici, sapienti o ludici attraverso cui l'uomo moderno ha letto e interpretato il passato e ha pensato il proprio posto nel mondo.
 
La preziosa "libreria dipinta" di Cantore, porta le firme di eccellenti "scrittori del colore" che hanno attraversato la storia dell'arte italiana dal Rinascimento purista al Manierismo sperimentale, fino a tutte le possibilità inventive che l'età della Controriforma e del Barocco
hanno dischiuso tra Sei e Settecento. Una selezione di testi pittorici davvero ampia
in cui si riserva uno spazio privilegiato ai maestri delle scuole e botteghe emilianoromagnole.
Tra i molti nobili autori di questi "racconti di quadreria" si troveranno, con opere d'eccellenza edite e inedite, Niccolò Rondinelli e Amico Aspertini, Sante Peranda e Jusepe de Ribera, Elisabetta Sirani e Pietro da Cortona, Flaminio Torri ed Ercole Graziani junior, GiovanGioseffo Dal Sole e Donato Creti, Giuseppe Maria e Luigi Crespi.


La mostra e il catalogo sono curati da Alessandro Giovanardi e si avvalgonodi testi e contributi di Francesca Baldassari, Daniele Benati, Maria
Cristina Chiusa, Sabrina Foschini, Fiorella Frisoni, Tiziana Monaco,
Anna Orlando, Vincenzo Pacelli, Filippo Pedrocco, Leonardo Piccinini,
Massimo Pulini, Giancarlo Sestieri.