1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Cesena - Vai alla pagina iniziale
Comune di Cesena - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Versione stampabile della pagina

Presentazione del libro dedicato a Dora De Giovanni

Dora De Giovanni
Dora De Giovanni

Domenica 15 marzo, ore 17.00 - Teatro Bonci

Domenica 15 marzo 2015, alle ore 17, al Teatro Bonci di Cesena sarà presentato l'ultimo lavoro biografico del musicologo Franco Dell'Amore. Il libro, dedicato al soprano Dora De Giovanni (1890-1980), restituisce la figura di un'artista cesenate "dimenticata".
Il volume oltre alla biografia artistica, raccoglie i deliziosi Albi dei ricordi dell'antenata che Nicoletta Braschi, pronipote del soprano, ha amorevolmente custodito ed ora messo a disposizione di tutti noi. La sua prefazione al libro è un tenero riconoscimento verso chi le ha fatto amare il mondo del teatro.

L'evento prevede interventi musicali dal repertorio del soprano lirico drammatico.
Il pubblico sarà accolto sul palcoscenico dove il musicologo Piero Mioli illustrerà la breve carriera della cantante, cominciata a Cesena nel 1914 e che venne salutata con favore dagli esponenti più raffinati dell'intellettualità cittadina, fra questi 
Renato Serra.

Il suo talento vocale pare indiscusso, ma anche la presenza scenica e il bell'aspetto sono stati molto apprezzati, come indicano le recensioni teatrali. Le fotografie mostrano una giovane donna radiosa, un morbido groviglio di capelli neri, intensi occhi scuri, un sorriso elegante che ammicca al fotografo da leggiadre inquadrature sghembe tanto in voga all'epoca. 

Fu lo stesso Pietro Mascagni a sceglierla, quale interprete ideale, per la sua opera Iris. Un ruolo che segnò il destino artistico del soprano. Poi la drammaticità del personaggio travalicò le scene e raggiunse la realtà quotidiana. Dopo il matrimonio, con qualche rammarico, venne la scelta di lasciare il teatro. La sorte del marito (l'avvocato Guido Vittoriano Basile) - deportato e ucciso a Mauthausen nel 1944 - causerà l'irruzione della tragica storia del Novecento nella vita di Dora. 

Il nome del soprano cesenate non sarà dimenticato, anche perché emblematicamente scelto per la protagonista del film La vita è bella di Roberto Benigni.