1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Intesa fra Comune e Dipartimento di Architettura per studiare un nuovo arredo urbano per piazza del Popolo

Obiettivo: definire spazi adeguati per l'occupazione di suolo pubblico degli esercizi presenti e dare maggiore qualità all'area verde sul quarto lato

 
Alleanza fra il Comune di Cesena e il Dipartimento di Architettura dell'Università  per la valorizzazione di piazza del Popolo. Grazie a un'intesa fra i due enti, infatti, gli studenti della laurea magistrale in architettura saranno chiamati, nell'ambito delle esercitazioni pratiche previste dal loro corso di studi, a elaborare proposte progettuali per l'arredo urbano, e in particolare a individuare soluzioni per consentire l'occupazione di suolo pubblico da parte degli esercizi pubblici. 

"Piazza del Popolo - spiegano il Sindaco Paolo Lucchi e l'Assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi - è uno dei luoghi simbolo di Cesena e, specialmente in questo ultimo periodo, sta conoscendo una sorta di rinascimento: oltre al mercato ambulante, che attira tradizionalmente numerosi acquirenti, e all'apertura del Foro Annonario, infatti, si registra una rinnovata vivacità commerciale, con la nascita di nuove attività, soprattutto nel settore della ristorazione. Un'evoluzione da sempre auspicata dall'Amministrazione, che punta a fare della piazza un polo cittadino non più limitato a pochi giorni della settimana.

Ma per raggiungere pienamente questo obiettivo occorre creare le condizioni migliori per l'occupazione del suolo pubblico, pensando ad esempio a pedane che consentano l'installazione di sedie e tavolini. Al tempo stesso è necessario compendiare le istanze manifestate dalle attività in sede fissa con le esigenze legate agli altri utilizzi della piazza (mercato ambulante, fiere, manifestazioni).
Per questo guardiamo con molto interesse alla collaborazione con il Dipartimento di Architettura. Grazie ad essa, infatti, il Comune avrà a disposizione un articolato ventaglio di proposte, fra cui potrà scegliere le idee più convincenti per formulare un progetto concreto. E d'altro canto, in questo modo l'Università avrà l'occasione di fare esercitare i propri studenti su un tema locale, di attualità e di probabile realizzazione, anche in cooperazione con altri Enti competenti in materia di tutela e valorizzazione del patrimonio storico-architettonico". 

Da un punto di vista operativo, l'Amministrazione comunale ha provveduto a definire gli obiettivi e gli ambiti di intervento su cui i futuri architetti saranno invitati a lavorare. 
Innanzitutto, l'area da considerare è  quella sul lato nord della piazza (cioè il lato opposto al Palazzo comunale): qui, per consentire le occupazioni a servizio delle attività commerciali in sede fissa si dovrà pensare all'installazione di  strutture leggere e rimovibili, con un disegno coordinato per tutto il fronte.

Non solo: in prospettiva, le soluzioni individuate potrebbero venire estese ad altre parti del centro storico (ad es. piazze Amendola e Aguselli). Resta inteso che l'installazione di nuovi elementi non dovrà pregiudicare  l'accessibilità della piazza, che dovrà sempre essere garantita da tutti i suoi varchi carrabili e pedonali.
Accanto alle soluzioni per l'occupazione di suolo pubblico, agli studenti di architettura si chiede di studiare una nuova sistemazione di arredo urbano anche per l'area verde che delimita la piazza lungo il quarto lato e che oggi manca di un sufficiente grado di qualità architettonica. Sulla base di queste indicazioni, sarà indetto un concorso di idee rivolto agli studenti del Corso di Laurea Magistrale in Architettura, e sarà  il Dipartimento a curare l'iniziativa all'interno della didattica della Scuola di Ingegneria e Architettura.

L'Amministrazione comunale, che sarà rappresentata nella Commissione giudicatrice del concorso, ma senza alcun onere per il pagamento di eventuali premi o rimborsi spese ai concorrenti,  acquisirà i progetti selezionati e potrà decidere di farli propri (in tutto o in parte) o di svilupparli in modo originale. 
L'iniziativa dovrà concludersi entro un anno.

 
 
 

Ufficio stampa
Federica Bianchi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Data Ultima Modifica:
07 Ottobre 2016

Data di Pubblicazione:
11 Maggio 2015

Per contattare gli uffici comunali scrivi a facile@comune.cesena.fc.it

Qualora questo articolo dovesse contenere errori o inesattezze si prega di segnalarlo a redazioneweb@comune.cesena.fc.it