1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Il Comune di Cesena in prima linea per il sostegno alla disabilità

A breve un'istruttoria pubblica per l'affidamento del servizio di accompagnamento scolastico

 
Il sostengo alla disabilità nelle scuole  è uno degli impegni irrinunciabili del Comune di Cesena. Nell'anno scolastico 2014/2015, grazie a questo impegno - che in termini economici ammonta a poco più di 600mila euro -, 92 ragazzi cesenati  con disabilità hanno potuto frequentare la scuola in sicurezza e con un piano formativo adeguato alle loro esigenze. Inoltre, il Comune di Cesena si occupa (come previsto dalla Legge Regionale) anche dell'accompagnamento ai plessi scolastici, fondamentale per alunni con disabilità: nell'anno scolastico corrente  il servizio è stato fornito a 17 bambini e ragazzi, con un impegno economico di 95.000,00 euro. A segnalarlo sono il Sindaco Paolo Lucchi e l'Assessore ai Servizi per le Persone Simona Benedetti in una lettera inviata oggi ai consiglieri comunali per informarli sui passi futuri che l'Amministrazione comunale intende fare per proseguire in questa esperienza, facendo in modo di soddisfare le necessità dei ragazzi e delle loro famiglie anche nei prossimi anni.

Nella loro comunicazione, infatti, Sindaco e Assessore informano che nei giorni scorsi la giunta comunale ha deciso di varare un'istruttoria pubblica (disciplinata dalla Legge regionale n.2/2003) per l'affidamento della gestione del servizio di accompagnamento e delle attività connesse. L'istruttoria sarà rivolta alle associazioni di volontariato, operanti nel territorio comunale e regolarmente iscritte agli albi e registri pubblici, che già svolgono servizi di accompagnamento delle persone con disabilità: Caima, Croce Verde, Arci Solidarietà, Aveac, Anffas, Auser.

Di seguito il testo della lettera  

Le cronache nazionali che portano alla luce tagli dei fondi per l'inserimento scolastico ed il sostegno ai ragazzi con disabilità sono ricorrenti e periodiche. E' evidente, in effetti, che queste attività richiedono alle Amministrazioni comunali un ingente quantitativo di risorse, sia economiche che organizzative.Da molti anni, infatti, a seguito dei tagli statali, sono gli enti locali che intervengono per consentire agli insegnanti di sostegno e agli educatori di lavorare nelle classi, così da garantire a tutti i bambini ed i ragazzi l'inserimento e il diritto all'istruzione.

Per il Comune di Cesena, la spesa per il sostegno all'handicap nelle scuole è sempre stata una priorità, a conferma che per quanto ci compete la piena integrazione scolastica e il riconoscimento a tutti del diritto all'inclusione sono scelte irrinunciabili.Come nel passato, infatti, anche quest'anno il Comune ha confermato il capitolo di spesa per il sostegno alla disabilità. Intervenendo in tutte le scuole di ogni ordine e grado, dalle materne fino alle superiori.In particolare, nell'anno scolastico 2014/2015 abbiamo garantito la possibilità di frequentare la scuola in sicurezza, con un piano formativo adeguato ai bisogni di ciascuno, a 92 ragazze e ragazzi con disabilità, sostenendo una spesa pari a 602.771,94 euro.

Oltre a ciò, il diritto allo studio viene assicurato dal Comune anche attraverso l'accompagnamento ai plessi scolastici, che nel caso degli alunni con disabilità è basilare ed assume una importanza particolare. Il comune assicura questo servizio a 17 bambini, ragazzi e alle loro famiglie, impiegando risorse pari a 95.000,00 euro.È la legge regionale, infatti, che assegna alle Amministrazioni comunali il compito di provvedere agli interventi finalizzati sia assicurare agli alunni con disabilità l'accesso e la frequenza delle rispettive sedi scolastiche, dalle scuole dell'infanzia e primarie fino alle secondarie di I° e II° grado, attraverso la fornitura di un servizio di accompagnamento dalle rispettive residenze alle scuole e da queste alle rispettive residenze, sia ad assicurare ai medesimi alunni i servizi di pre-scuola e post-scuola.

Si tratta di esigenze che devono essere soddisfatte anche per i prossimi anni scolastici, preferibilmente attraverso strumenti gestionali funzionali a promuovere ed integrare la volontà dell'Amministrazione Comunale con le necessità, le prospettive e le risorse della società civile e dell'associazionismo.Per tale motivo, la giunta comunale ha recentemente ritenuto di identificare nell'istruttoria pubblica (disciplinata dalla Legge regionale n.2/2003), lo strumento attraverso cui strutturare le collaborazioni e sinergie che dovranno strutturare il servizio di accompagnamento scolastico.
L'istruttoria in oggetto riguarderà l'individuazione delle attività specifiche connesse all'accompagnamento e l'affidamento della gestione del medesimo ed è rivolta alle associazioni di volontariato, operanti nel territorio comunale e regolarmente iscritte agli albi e registri pubblici, che già svolgono servizi di accompagnamento delle persone con disabilità: Caima, Croce Verde, Arci Solidarietà, Aveac, Anffas, AuserLa gestione del servizio sarà affidata per i prossimi cinque anni.
L'intervento del Comune, di concerto con quello attento e presente della scuola, è centrale per riconoscere davvero a tutti i cesenati un diritto fondamentale come quello all'istruzione: con la scelta di sostenere gli interventi di sostegno e accompagnamento scolastico viene dunque evidenziato, ogni giorno, uno degli aspetti più belli della città.    

Il Sindaco
Paolo Lucchi 

L'Assessore
Simona Benedetti                                                  


                                                         

 
 
 
 
 
 

Ufficio stampa
Federica Bianchi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Data Ultima Modifica:
07 Ottobre 2016

Data di Pubblicazione:
21 Maggio 2015

Per contattare gli uffici comunali scrivi a facile@comune.cesena.fc.it

Qualora questo articolo dovesse contenere errori o inesattezze si prega di segnalarlo a redazioneweb@comune.cesena.fc.it