1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

L'Amministrazione comunale sullo sfratto fissato per oggi e rinviato

Siamo stati informati dei momenti di tensione fra forze dell'ordine e rappresentanti dei Cobas che si sono verificati questa mattina durante l'esecuzione di uno sfratto per morosità, poi rinviato.Si tratta sempre di episodi dolorosi e difficili da affrontare, spesso causati dalle conseguenze della crisi economica in atto, e i Servizi Sociali del Comune sono  pronti a offrire un sostegno alle famiglie coinvolte. Ma è necessario ribadire con chiarezza che ogni forma di aiuto deve sempre, necessariamente, essere inquadrata all'interno del sistema delle regole, e richiede anche la collaborazione degli interessati, in vista del superamento del momento critico e del recupero dell'autonomia. 

Riteniamo opportuno, quindi, spiegare come si è arrivati a questo punto, per evitare fraintendimenti. Il caso in questione vede coinvolta la famiglia di un dipendente dell'azienda Artoni messo in cassa integrazione dal settembre scorso. Ma la situazione di morosità che ha determinato lo sfratto esecutivo risale ad almeno due anni fa, quando l'uomo era regolarmente impiegato.In tutto questo periodo i Servizi Sociali del Comune di Cesena sono stati interpellati sporadicamente dall'uomo. Il suo primo accesso risale all'agosto 2013, quando l'uomo si è rivolto allo Sportello Sociale per una richiesta di aiuto economico in vista della nascita di un figlio; in quell'occasione dichiarò di non avere problemi di morosità, ma segnalò l'esigenza di un appartamento più piccolo e per questo gli fu suggerito di fare domanda per un alloggio di edilizia residenziale pubblica.

Da allora quello sembra essere diventato il suo unico obiettivo: pochi mesi dopo si è ripresentato, senza appuntamento, allo Sportello Sociale chiedendo una casa popolare e mostrandosi non disponibile per qualsiasi altro tipo di aiuto.E' tornato a farsi vivo nuovamente a maggio 2014 e anche allora la richiesta è stata quella della casa popolare: gli operatori lo hanno invitato di nuovo a far domanda e gli hanno  fissato un appuntamento per definire un progetto d'aiuto. Ma l'interessato non si è presentato.La stessa cosa è avvenuta nel marzo di quest'anno. L'uomo si è rivolto allo Sportello Sociale dichiarando di aver in corso una procedura di sfratto per morosità: gli è stato quindi fissato un appuntamento per presentare la documentazione necessaria ad accedere al fondo per la morosità incolpevole.

Ma anche questa volta non si è presentatoSolo il 10 settembre scorso i Servizi sociali del Comune sono stati informati dall'ufficiale giudiziario dello sfratto in corso e hanno subito a contattato l'interessato, da cui hanno appreso che l'udienza per lo sfratto risaliva al novembre 2014 (e in quell'occasione erano stati concessi i termini di grazia per sanare la morosità, ma l'uomo non ha rispettati) e che la notifica di sfratto  era di aprile 2015. Contestualmente l'uomo ha segnalato anche di essere in cassa integrazione dal 1 settembre.Di fronte a questa situazione i Servizi si sono nuovamente impegnati a verificare la possibilità di poter accedere al fondo per morosità incolpevole, e hanno garantito la disponibilità a farsi carico delle spese di ingresso in un nuovo alloggio che però l'interessato doveva reperire autonomamente.In un nuovo incontro, svoltosi il 25 settembre l'uomo, accompagnato da due rappresentanti di ADL COBAS, ha esplicitato la richiesta (per altro anticipata anche nei precedenti contatti) che sia il Comune a dare una risposta al suo problema concedendogli un alloggio popolare.Ma questa soluzione non è attuabile: la sua posizione nella graduatoria ACER non consente di prevedere un imminente assegnazione di alloggio. D'altro canto, risulta che, pur avendo lavorato fino ad agosto 2015, l'uomo non ha versato alcunché al proprietario di casa da almeno due anni, accumulando un debito di circa 17mila euro.

Anche in questo incontro i Servizi Sociali hanno ribadito la posizione già espressa: piena disponibilità a supportare economicamente la famiglia per aiutarla ad entrare in un nuovo alloggio, ma a condizione che gli interessati lo reperiscano autonomamente, assumendosene la responsabilità.Questa posizione è in linea con le modalità sempre seguite in casi analoghi. Non può che essere così: le regole ci sono e vanno fatte rispettare, a tutela del diritto di tutti ad essere aiutati secondo le loro necessità. E questo è tanto più valido in un periodo difficile come quello attuale, in cui le risorse sono limitate e vanno utilizzate per sostenere chi è in condizioni di reale difficoltà e non riesce a uscirne da solo. 

Il Sindaco
Paolo Lucchi

L'Assessore ai Servizi per le persone
Simona Benedetti 

 
 
 

Ufficio stampa
Federica Bianchi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Data Ultima Modifica:
07 Ottobre 2016

Data di Pubblicazione:
06 Ottobre 2015

Per contattare gli uffici comunali scrivi a facile@comune.cesena.fc.it

Qualora questo articolo dovesse contenere errori o inesattezze si prega di segnalarlo a redazioneweb@comune.cesena.fc.it