1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Interventi soggetti a comunicazione ed interventi soggetti a comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA)

Gli interventi definiti ai sensi dell'art.7 della L.R. 15/2013 comma 1 lettera f, ovvero “ le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti, temporanee e stagionali e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a sei mesi compresi i tempi di allestimento e smontaggio delle strutture;” sono soggetti a comunicazione allo Sportello unico edilizia delle date di inizio dei avvio lavori e di rimozione del manufatto, con l'eccezione delle opere insistenti su suolo pubblico comunale il cui periodo di permanenza è regolato dalla concessione temporanea di suolo pubblico.

 

I seguenti interventi sono soggetti a Comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA)

 

a) le opere di manutenzione straordinaria, di restauro scientifico, di restauro e risanamento conservativo e le opere interne alle costruzioni, qualora non modifichino le destinazioni d'uso delle costruzioni e delle singole unità immobiliari, non riguardino le parti strutturali dell'edificio o siano prive di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici e non rechino comunque pregiudizio alla statica dell'edificio;

 

b) le modifiche interne di carattere edilizio sulla superficie coperta dei fabbricati adibiti ad esercizio d'impresa;

 

c) le modifiche della destinazione d'uso senza opere, tra cui quelle dei locali adibiti ad esercizio d'impresa, che non comportino aumento del carico urbanistico.

 

c bis) le opere pertinenziali non classificabili come nuova costruzione ai sensi della lettera g.6) dell’Allegato alla LR 15/2013, qualora non riguardino le parti strutturali dell'edificio o siano prive di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici e non rechino comunque pregiudizio alla statica dell'edificio;

 

c ter) le recinzioni e muri di cinta e le cancellate;

 

c quater) gli interventi di demolizione parziale e integrale di manufatti edilizi;

 

c quinquies) il recupero e il risanamento delle aree libere urbane e gli interventi di rinaturalizzazione;

 

c sexies) i significativi movimenti di terra di cui alla lettera m) dell’Allegato alla LR 15/2013;

 

c septies) le serre stabilmente infisse al suolo, tra cui quelle in muratura, funzionali allo svolgimento dell’attività agricola;

 

c octies) ogni altro intervento edilizio non riconducibile ad edilizia libera e agli articoli 10, 13 e 17 della LR 15/2013.

 
Come si fa?

L’interessato deve presentare il relativo modello di comunicazione di inizio dei lavori o di sola comunicazione per gli interventi di cui alla lettera f), esclusivamente in modalità telematica, riportando i dati identificativi dell’impresa alla quale si intende affidare la realizzazione dei lavori e la data di fine dei lavori che non può essere superiore ai tre anni dalla data del loro inizio.

La comunicazione è accompagnata dai necessari elaborati progettuali e da una relazione tecnica a firma di un professionista abilitato, il quale assevera, sotto la propria responsabilità, la corrispondenza dell’intervento con una delle fattispecie descritte al comma 4, il rispetto delle prescrizioni e delle normative di cui al comma 1, nonché l’osservanza delle eventuali prescrizioni stabilite nelle autorizzazioni o degli altri atti di assenso acquisiti per l’esecuzione delle opere.

Limitatamente agli interventi di cui al comma 4, lettere b) e c), in luogo delle asseverazioni dei professionisti possono essere trasmesse le dichiarazioni di conformità da parte dell'Agenzia per le imprese di cui all'articolo 38, comma 3, lettera c), del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112.

 

L'esecuzione delle opere soggette a CILA comporta l'obbligo della nomina del direttore dei lavori, della comunicazione della fine dei lavori e della trasmissione allo Sportello unico edilizia della copia degli atti di aggiornamento catastale, nei casi previsti dalle vigenti disposizioni, e delle certificazioni degli impianti tecnologici, qualora l'intervento abbia interessato gli stessi. Per i medesimi interventi non è richiesta la segnalazione certificata di conformità edilizia e di agibilità di cui all'articolo 23 della LR 15/2013 . Nella comunicazione di fine dei lavori sono rappresentate le eventuali varianti al progetto originario apportate in corso d'opera.

Gli interessati, prima dell'inizio dell'attività edilizia, possono richiedere allo Sportello unico di provvedere all'acquisizione delle autorizzazioni e degli altri atti di assenso, comunque denominati, necessari secondo la normativa vigente per la realizzazione dell'intervento edilizio.

 

Va inoltre completata la pratica SIT on-line ai fini dell’aggiornamento della cartografia.

 
Quanto Costa?

€ 10,00 per diritti di segreteria (in fase di aggiornamento )

 

Il procedimento può essere attivato esclusivamente on line 

 
Online:
Piattaforma SuapER
Requisiti: Credenziali fedERa con Alto Livello di Affidabilità Firma digitale PEC (consigliata)
.
 
Per Informazioni:
E-mail: accettazione@comune.cesena.fc.it
Telefono: 0547.356405-356525-356524
Orari:

SUE - Sportello Unico Edilizia

  • Lunedì dalle ore 10.00 alle ore 13.00
  • Mercoledì dalle ore 8.00 alle ore 13.00
  • Giovedì dalle ore 14.30 alle ore 17.00
 
Allegati
 
 
Normativa
 
Responsabile
Paola Sabbatini
Settore Governo del Territorio
e-mail: sabbatini_p@comune.cesena.fc.it
Telefono: 0547.356803
 
 

Data Ultima Modifica:
07 Ottobre 2016

Data di Pubblicazione:
21 Ottobre 2015

Per contattare gli uffici comunali scrivi a facile@comune.cesena.fc.it

Qualora questo articolo dovesse contenere errori o inesattezze si prega di segnalarlo a redazioneweb@comune.cesena.fc.it