1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

"Sfratto evitato con le medesime procedure seguite in centinaia di altri casi. Fondamentale le definizione di un progetto condiviso, che il Comune sostiene solo se gli interessati dimostrano di volersi impegnare concretamente"

Dichiarazione del Sindaco Paolo Lucchi e dell'Assessore ai Servizi per le Persone Simona Benedetti

Evitare uno sfratto esecutivo forzoso rappresenta sempre un fatto molto positivo, soprattutto quando si tratta di famiglie dove vivono anche bambini. Si tratta, naturalmente, di un impegno gravoso e di uno sforzo progettuale ed economico importante per l'Amministrazione comunale. Non a caso, del resto, già da molti anni a questa parte il Comune ha ripetutamente identificato nell'emergenza abitativa uno dei problemi sociali più significativi anche della nostra città per tantissime famiglie. Siamo molto soddisfatti della soluzione trovata insieme alla famiglia del lavoratore della ditta Artoni, il cui sfratto è rimbalzato ripetutamente alle cronache locali.
La famiglia sta entrando in queste ore in un nuovo alloggio, da loro reperito autonomamente sul mercato privato:  il confronto con l'assistente sociale ha determinato le condizioni perché la famiglia potesse accedere al sostegno economico previsto in queste situazioni.  
Ci preme molto sottolineare, in ogni caso, che la sua situazione è stata risolta esattamente come le centinaia di altre situazioni di sfratto esecutivo che il Comune ha affrontato dal 2010 ad oggi, senza soluzione di continuità. Soluzioni trovate mediante il confronto diretto fra famiglie e servizi e attraverso la definizione di un progetto condiviso, che il Comune sostiene solo quando e se anche le persone interessate dimostrano di volersi impegnare concretamente. Con questo approccio, rimanendo sempre a disposizione delle famiglie che vorranno collaborare, continueremo a rimanere assolutamente disponibili ad aiutare chi è in difficoltà. 
Allontanando le strumentalizzazioni e con estremo rispetto del dolore e delle preoccupazioni dei padri di famiglia che si ritrovano in emergenza abitativa, che hanno tutti, ma proprio tutti, i medesimi diritti e doveri di fronte alle istituzioni e alla loro comunità. 
 

 
 
 

Ufficio stampa
Federica Bianchi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Data Ultima Modifica:
07 Ottobre 2016

Data di Pubblicazione:
22 Ottobre 2015

Per contattare gli uffici comunali scrivi a facile@comune.cesena.fc.it

Qualora questo articolo dovesse contenere errori o inesattezze si prega di segnalarlo a redazioneweb@comune.cesena.fc.it