1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Treno verde 2016: mobilità sostenibile per il gruppo FS italiane

Uno smart game per gli studenti interamente dedicato al Frecciarossa 1000 e alla sua ecosostenibilità. Laboratori didattici organizzati in collaborazione con grandi musei d'Italia per bambini come Muba, Explora e Città della Scienza.
Ma anche buone pratiche per l'ambiente, dibattiti, esperimenti e molto altro durante le undici tappe del Treno Verde 2016.
La mostra itinerante, promossa da FS e Legambiente e che ha come obiettivo principale quello di accrescere la cultura ambientale, è l'occasione per ricordare quale è l'impegno del Gruppo FS per una mobilità sempre più sostenibile. Infatti nella prima carrozza del convoglio in viaggio per l'Italia da Nord a Sud, alcuni pannelli spiegano le azioni concrete che FS Italiane mette in campo, ogni giorno, a favore dell'ambiente. Azioni che danno vita a un nuovo modello di mobilità sostenibile sempre più vicino ai cittadini.
In occasione della Conferenza del Clima di Parigi del 2015, FS Italiane ha sottoscritto il Railway Climate Responsibility Pledge. Un vera sfida per raggiungere obiettivi ambientali sempre più competitivi per incrementare il modal share verso mezzi di trasporto sempre più sostenibili.

Il treno difende l'ambiente e migliora la qualità della vita 
Il sistema dei trasporti è il settore industriale che assorbe la maggior quantità di energia ed emette il più alto quantitativo di CO2. Il treno in media produce il 70% di gas serra in meno rispetto all'aereo e il 60% in meno rispetto all'auto e utilizza rispettivamente un undicesimo e un terzo dell'energia.
 
Frecciarossa 1000, alta velocità e basso impatto ambientale: vantaggi concreti per l'ambiente e per i clienti
Il sistema AV Torino - Milano - Bologna - Firenze - Roma - Napoli - Salerno è nato con una forte attenzione agli impatti ambientali. Il Frecciarossa 1000, il primo treno ad alta velocità che ha ricevuto la dichiarazione ambientale di prodotto, riduce il consumo di energia fino al 30% rispetto alla serie precedente. Nel 2015 i passeggeri che hanno scelto il Frecciarossa tra Roma e Milano hanno fatto risparmiare all'atmosfera circa un milione di tonnellate di CO2: pari al peso di cento torri Eiffel. Risparmiate inoltre 10 tonnellate di pM10, 6000 tonnellate di NOx e 500 tonnellate di idrocarburi non metanici che sarebbero state aggiunte all'atmosfera se avessero viaggiato in auto.
 
Investimenti e treni per i pendolari: già consegnati 365 nuovi convogli
Dal 2009 ad oggi Trenitalia ha consegnato 365 nuovi treni per i pendolari alle regioni italiane con l'obiettivo di ridurre l'età media dei convogli e garantire una migliore qualità del servizio. L'impegno del Gruppo FS Italiane per una mobilità sempre più sostenibile è inoltre testimoniato dalla gara record di 4,5 miliardi per l'acquisto di 500 nuovi treni per i pendolari che si aggiunge ai 3,5 miliardi di euro investiti in autofinanziamento da Trenitalia.
Nel 2015 1,8 milioni di pendolari ha viaggiato ogni giorno su quasi 8mila treni. Grazie alla loro scelta responsabile di rinunciare all'automobile, sono stati risparmiati all'atmosfera: 15mila tonnellate di anidride carbonica, 200kg di particolato (pM10 e pM2,5), 60 tonnellate di ossidi di azoto e 5 tonnellate di idrocarburi non metanici risparmiati giornalmente all'atmosfera; in sintesi
1,2 milioni di auto in meno nel traffico delle aree metropolitane del Paese, grosso modo pari a quante ne circolano a Milano ogni giorno.
 
Cura del ferro anche per il trasporto merci
Il Gruppo FS Italiane, con autorità portuali, imprese ferroviarie merci, gestori dei terminali e operatori di logistica, gioca un ruolo di primo piano nella crescita sostenibile del trasporto merci su ferro, con progetti di sviluppo e potenziamento delle connessioni fra la rete esistente e gli impianti
merci dedicati. In particolare, RFI (Gestore dell'infrastruttura ferroviaria nazionale) è impegnata a creare le migliori sinergie con i principali porti italiani, i poli retroportuali e logistici, migliorare e rafforzare i collegamenti fra la rete nazionale e i raccordi ferroviari dei più importanti stabilimenti produttivi italiani.
In ambito europeo, infatti, la grande sfida nella politica dei trasporti è quella di trasferire entro il 2030 il 30% delle merci, con distanza superiore a 300 km, dalla gomma ad altre tipologie di trasporto, tra cui ferrovia e navi, per poi arrivare al 50% entro il 2050.
 
Il treno al centro di un sistema di mobilità sostenibile:  bici in treno gratuite, piste ciclabili, auto elettriche, car e bike sharing
Nel segno dell'integrazione tra esigenze economiche, sociali e ambientali il Gruppo è impegnato nello sviluppo di un ampio progetto di mobilità sostenibile.
Sui convogli Trenitalia le biciclette pieghevoli sono trasportabili gratuitamente. Sono in corso alleanze strategiche tra Trenitalia e altre realtà eco-sensibili per integrare il viaggio in treno con spostamenti in auto elettriche, car e bike sharing, per proseguire il viaggio in maniera sostenibile una volta arrivati in stazione. La prosecuzione della partnership con Eni relativa al car sharing "Enjoy", nonché l'accordo con Clear Channel per promuovere il bike sharing nelle città di Milano e Verona ne sono un esempio.
Inoltre, per facilitare gli spostamenti di chi viaggia con la bicicletta al seguito, Rete Ferroviaria Italiana sta realizzando interventi infrastrutturali per rendere le stazioni più accessibili.
RFI e Federazione Italiana Amici della Bicicletta (FIAB) hanno individuato circa 180 stazioni bike friendly, dove sono stati già attivati spazi per la sosta e il parcheggio delle biciclette. Le stazioni, oggetto di riqualificazione, sono inserite nel progetto 500 stazioni, che ha l'obiettivo di trasformare e adeguare gli hub medio/piccoli e renderli più funzionali ai servizi chiesti dai clienti.
Gli interventi prevedono la realizzazione di stalli (anche coperti) riservati al parcheggio di biciclette e l'installazione nelle scale dei sottopassaggi pedonali di sistemi (scivoli, ascensori dimensionati) per facilitare gli spostamenti in stazione dei viaggiatori con bici al seguito. I locali non più funzionali alle attività ferroviarie potranno essere destinati alle attività di noleggio e manutenzione delle due ruote e saranno create aree dedicate al bike sharing nei piazzali antistanti le stazioni ferroviarie nelle città in cui il servizio è operativo. Infine, sarà installata una segnaletica fissa e variabile dedicata.
 
Nuovi bus Euro 6 in città: la best practice di Firenze
Nell'area metropolitana di Firenze, un quarto della flotta bus è stata sostituita nel biennio 2014-2015 con nuovi mezzi a basse emissioni Euro 6 in sostituzione di mezzi Euro 2/3, abbassando l'età media del parco veicoli di 4 anni e portandola oggi a circa 8 anni, quando l'età media degli autobus che circolano in Italia è di oltre 12 anni; ciò si traduce direttamente in risparmio di carburante, minori emissioni di CO2, e, non da ultimo, maggiore sicurezza.
 
Il biglietto è verde e sostenibile: i punti verdi premiano la scelta responsabile dei viaggiatori
Gli e-ticket permettono ai viaggiatori di salire a bordo dei quasi otto mila convogli giornalieri di Trenitalia con una forte riduzione del consumo di carta. Per i biglietti tradizionali, invece, viene utilizzata carta certificata FSC®, prodotta con cellulosa proveniente da foreste gestite in modo
responsabile e dal riciclo post-consumo. Biglietti che riportano i valori di emissioni CO2 relativi al percorso scelto dal cliente in treno, auto o aereo.
Il programma fedeltà CartaFRECCIA, permette poi di convertire le emissioni di CO2 risparmiate viaggiando in treno in punti verdi che si aggiungono ai normali punti fedeltà, per ottenere titoli di viaggio gratuiti e premi.
 
Primi in Europa per l'elettrificazione della rete ferroviaria: meno combustibili fossili e più fonti rinnovabili
Più del 70% della rete ferroviaria nazionale è elettrificata, a fronte di una media europea di circa il 50%. Infatti, in Italia, sono circa 12mila i km di linee elettrificate, su oltre 16.700 km di rete ferroviaria. Di conseguenza, il 90% dei treni in Italia è alimentato elettricamente e i vantaggi ambientali del trasporto ferroviario italiano sono maggiori rispetto al resto d'Europa grazie anche a un maggior utilizzo, nella trazione, di energia elettrica. Ciò riduce, insieme a una politica energetica nazionale orientata verso le fonti rinnovabili, gli impatti sull'ambiente.
 
Green Station e Greenways, un patrimonio al servizio del territorio
Sono oltre 400 le stazioni concesse in comodato d'uso a Comuni e Associazioni per finalità sociali, culturali e ambientali. Progetti importanti che avvicinano i cittadini al territorio dove le buone intenzioni incontrano le buone pratiche e diventano buona economia. Non solo, il Gruppo FS Italiane è impegnato nel recupero di linee ferroviarie dismesse per trasformarle in Greenways, individuando, insieme a istituzioni ed enti locali, possibili forme di riuso in chiave turistica e di mobilità sostenibile. Progetti che interessano, in oltre 330 comuni italiani, quasi 1.800 km di linee non più utilizzate per le attività ferroviarie.
Le linee ferroviarie dismesse e le aree di transito adiacenti ai binari -soprattutto nei grandi nodi urbani - possono essere recuperate e messe a disposizione dei Comuni per realizzare percorsi ciclopedonali che corrono paralleli alle linee ferroviarie, favorendo inoltre l'interscambio treno/bici e
nuove interconnessioni fra sistemi di trasporto sostenibili.
 
Ecopassenger e Ecotransit:
La valutazione dell'impatto ambientale per scelte responsabili Ecopassenger permette di conoscere e certifica l'effetto sull'ambiente del proprio viaggio. Su www.ecopassenger.org sono calcolati i consumi energetici e le emissioni dei principali inquinati atmosferici per singolo passeggero di aereo, auto e treno. La sostenibilità ambientale delle merci è misurabile invece con EcoTransIT. Il web tool di www.ecotransit.org consente il calcolo e la comparazione tra i diversi mezzi di trasporto dei consumi energetici e delle emissioni dei principali inquinanti.
 
Approccio coordinato per le FS: il sistema di gestione ambientale di Gruppo
Le principali società del Gruppo FS Italiane, per il miglioramento delle propri prestazioni ambientali sono dotate di sistemi di gestione certificati in conformità alla norma ISO 14001. La Politica Ambientale di Gruppo guida ogni attività societaria secondo due principi:
* massimizzazione dei vantaggi ambientali del trasporto collettivo di persone realizzato su ferro, su gomma, via nave e di quello delle merci per ferrovia;
* riduzione al minimo degli impatti negativi sull'ambiente.

Dal sito "trenitalia.com - fsnews"

 
 
 


Data Ultima Modifica:
07 Ottobre 2016

Data di Pubblicazione: 07/03/2016