1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Cesena - Vai alla pagina iniziale
Comune di Cesena - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Versione stampabile della pagina

Ad Alta Voce 2010

Venerdì 15 ottobre 2010

A Venezia sabato 9, a Cesena venerdì 15, a Bologna sabato 16 ottobre tornerà Ad Alta Voce l'appuntamento che coniuga cultura e solidarietà.
 
Sarà un'edizione speciale, una festa di chi scrive e di chi legge che si chiuderà il 23 ottobre a L'Aquila,  per rendere indimenticabile il decennale della prima manifestazione di lettura ad alta voce in Italia.
 
Programma di Cesena:
 
AD ALTA VOCE - 10 anni
VOCI CHE LEGGONO, CITTA' CHE ASCOLTANO



Casa Protetta "Nuovo Roverella" Ore 10.30
leggono: Franco Mescolini, Oscar Zanotti
(evento chiuso al pubblico)
 
Liceo della Comunicazione "Immacolata" Ore 11.00
leggono: Daria Bonfietti, Sandra Cavallini, Adrian Bravi
(evento chiuso al pubblico)
 
Biblioteca Malatestiana, piazza Bufalini 1 Ore 16.00
presenta: Daniela Savoia
legge: Vittorio Franceschi
 
Chiostro delle Palme del Centro Culturale San Biagio, via Aldini 24
Ore 17.30 presenta: Giordano Conti
leggono: Stefania Grasso, Tahar Lamri, Niva Lorenzini, Roberto Mercadini
 
Sala Conferenze Ex Macello - via Mulini 21 Ore 20.30
presenta: Sanzio Castagnoli
leggono: Paolo Bolognesi, Emidio Clementi, Quintorigo, un volontario di Ausilio per la Cultura
accompagnamento musicale di DanieleDell'Omo e Antonio Stragapede
 

Dieci anni memorabili
Dieci anni. Tanti ne sono passati dalla nascita di "Ad alta voce" a Bologna. Un decennio da non dimenticare, l'anniversario della prima manifestazione di lettura diffusa per l'intera città. La città delle mille parole e delle mille voci che si abbracciano. E' l'occasione per riflettere sul significato della parola "memoria". Parola sfuggente, inafferrabile, che muta. Stella polare da cercare, ricercare, fissare. Memoria civica per non dimenticare momenti d'orgoglio collettivo, sentimenti condivisi o ferite inferte alla comunità, memoria fisica dove luoghi e persone intrecciano la storia, memorie private che rischiano di dissolversi, memoria delle parole a cui affidiamo i ricordi per fugarne l'oblio. A Bologna sabato 10 novembre 2001 era una giornata piovosa. Avrebbe potuto essere un qualsiasi giorno d'autunno se oltre 6.000 persone non fossero uscite di casa per ascoltare letture alla Stazione Centrale, sull'autobus della linea 27, all'Ipercoop Lame, alla Basilica di San Domenico o al Museo di Zoologia. Fu la prima di 37 giornate speciali, tra Bologna, Venezia e Cesena, che hanno fatto di "Ad alta voce" una tra le più importanti manifestazioni di lettura pubblica in Italia con oltre 100.000 presenze, raccontata nel web dalla Antologia su www.adaltavoce.it.
 
La caratteristica del tempo è una
misurata indifferenza,
tutto interessa un poco per brevissimo
tempo,
ogni cosa muore, deperisce, sé consuma
e sfoltisce
nel forno della memoria
nel forno della memoria 


Roberto Roversi Da "Le descrizioni in atto" 

 


 
Per ulteriori informazioni visitate il sito www.adaltavoce.it