1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Cosa rischio se non ho il biglietto dell’autobus?

Autobus

Chi viene trovato in autobus senza il biglietto viene multato, si tratta di una comune sanzione amministrativa, che si estingue con il regolare pagamento.
In caso contrario, l’ente titolare del credito può agire per la riscossione coattiva, ossia mediante pignoramento. 
Il controllore ha la facoltà di pretendere dal viaggiatore l’esibizione del biglietto e, in mancanza, l’indicazione delle sue generalità per elevare la multa. È nel suo potere chiedere i documenti di identità per l’identificazione del responsabile.  
Il viaggiatore può non esibirli perché, ad esempio, non li ha con sé. In tal caso il controllore non può – come invece potrebbe un comune agente della polizia – accompagnare il soggetto in caserma, questura o al comando della P.M. per l’identificazione ma può, invece, intimargli di scendere e, se del caso, attendere la prima pattuglia chiamata dallo stesso accertatore per l’identificazione del viaggiatore senza biglietto.
 
Commette invece reato chi, trovato senza biglietto sull’autobus e invitato dal controllore a scendere, non lo fa.
Se il soggetto si rifiuta di scendere subisce una denuncia per "interruzione di pubblico servizio” qualora il conducente dell’autobus interrompa la propria marcia per consentire al controllore di completare la procedura e questa richieda molto tempo a causa del rifiuto e della resistenza del viaggiatore.
 
Chi dà al controllore un nome e cognome falso per fare in modo di evitare di pagare la multa commette reato, in quanto il controllore è considerato pubblico ufficiale. È come, insomma, se lo stesso comportamento fosse posto nei confronti di un agente di polizia.
Per le sole dichiarazioni non veritiere è prevista reclusione fino ad un mese e multa fino a 206 euro (art. 651 c.p).
Si richiamano inoltre l’articolo 494 (sostituzione di persona) per il caso in cui un soggetto dia le generalità di altra persona per sottrarsi alla sanzione; e soprattutto l’articolo 496 c.p., che sanziona chi, interrogato da un incaricato di pubblico servizio, faccia false dichiarazioni sull’identità propria o di altra persona.
In tal caso, dunque, dovrà essere segnalato all’Autorità Giudiziaria il soggetto che fornisca informazioni false circa l’identità propria o di altri per sottrarsi alle sanzioni. Per questa condotta è prevista la reclusione fino ad un anno e la multa fino ad euro 516,00.

 
 



 





 
 
 
 

Data Ultima Modifica:
05 Luglio 2018

Data di Pubblicazione:
17 Gennaio 2018

Per contattare gli uffici comunali scrivi a facile@comune.cesena.fc.it

Qualora questo articolo dovesse contenere errori o inesattezze si prega di segnalarlo a redazioneweb@comune.cesena.fc.it