1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Il Cinema Ritrovato al cinema

Torna in sala in versione restaurata Jules et Jim, il capolavoro di Truffaut il più palpitante dei film nouvelle vague, il più celebrato e replicato ménage à trois, la storia d’amore tra due amici e una donna negli anni intorno alla Prima guerra mondiale. Nella meravigliosa fotografia di Raoul Coutard, tornano a splendere la Parigi belle époque e il beau visage pale di Jeanne Moreau; e torna a risuonare anche una delle più memorabili voci fuori campo (volatile, delicata, crudele) della storia del cinema.
Un’occasione per riproporre su grande schermo altri due capolavori nouvelle vague: I 400 colpi, il folgorante esordio dietro la macchina da presa dello stesso Truffaut, e Hiroshima mon amour, dolente viaggio nella memoria interpretato diretto da Alain Resnais, scritto da Marguerite Duras e magnificamente interpretato da Emmanuelle Riva.

Cinema San Biagio
ingresso intero: 5 euro - ridotto: 3 euro

 
 
 
 

HIROSHIMA MON AMOUR

Lunedì 25 marzo, ore 21.00 - Cinema San Biagio
(Francia/1959) di Alain Resnais (92’)

Sceneggiato da Marguerite Duras, è una delle opere che hanno cambiato il corso della storia del cinema, “un film che non potevamo prevedere”, come lo definì Godard. Nel contrappunto tra i documenti d’una tragedia storica (l’ecatombe nucleare) e le immagini di una tersa storia d’amore (tra un uomo giapponese e un’attrice francese giunta a Hiroshima per girare un film sulla
pace portando con sé le tracce di un passato lacerante),
Resnais arriva dritto al cuore della condizione umana: “Hiroshima è una parentesi nel tempo. È il film della riflessione, sul passato e sul presente” (Jacques Rivette).

 

Eventi precedenti:

JULES E JIM

Lunedì 4 marzo, ore 21.00
(Jules et Jim, Francia/1962)
di François Truffaut (105’)

La dolce vita secondo Truffaut. Nella Parigi bohémienne negli anni Dieci, due uomini e una donna provano
ad amarsi oltre le regole, attraverso il tempo, la guerra, matrimoni e amanti, accensioni e delusioni: Jeanne Moreau con i suoi travestimenti, il suo broncio altero, la sua voce magica percorre tutti i tourbillons de la vie, ma alla fine è lei a non saper accettare la resa.
“Abbiamo giocato con le sorgenti della vita, e abbiamo perso”. Appunto il film definitivo sul perdere, sul perdersi. Capolavoro d’utopia dolcemente amorale, infinitamente replicato in tanti film à la manière de.
V.O con sottotitoli in italiano - copia restaurata dalla Cineteca di Bologna

 

I QUATTROCENTO COLPI

Lunedì 18 marzo, ore 21.00 - Cinema San Biagio
(Les 400 coups, Francia/1959)
di François Truffaut (93’)

Primo film di Truffaut, e primo della serie Doinel. Antoine/ Jean Pierre, come il Michel/Jean Paul di Godard, corre più forte che può: ha quattordici anni, è uno studente furbo e svogliato, allestisce altarini in onore di Balzac, ruba una macchina da scrivere. Un ragazzino che si chiama Léaud cambia il modo in cui il cinema guarda il mondo: sguardo infantile, struggente, dalla finestrella del cellulare che lo porta al riformatorio, sguardo di colpo adulto davanti al mare che blocca la sua corsa. Godard ha fatto della nouvelle vague qualcosa di travolgente, Truffaut l’ha destinata all’eternità.
V.O con sottotitoli in italiano - copia restaurata dalla Cineteca di Bologna

 
 
 

Data Ultima Modifica:
19 Marzo 2019

Data di Pubblicazione:
01 Dicembre 2018

Per contattare gli uffici comunali scrivi a facile@comune.cesena.fc.it

Qualora questo articolo dovesse contenere errori o inesattezze si prega di segnalarlo a redazioneweb@comune.cesena.fc.it