1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Edizione 2017

 
 

Omaggio a Pif

Ospite d'onore della rassegna è Pierfrancesco Diliberto, noto come Pif, conduttore televisivo, conduttore radiofonico, regista e attore italiano.
 

 
 

I FILM IN PROGRAMMA

 
 
 
in guerra per amore

Domenica 9 luglio - Piazza del Popolo

IN GUERRA PER AMORE
di Pif (Italia/2016)  99'


 


New York 1943. Mentre il mondo è nel pieno della seconda guerra mondiale, Arturo vive la sua travagliata storia d'amore con Flora. I due si amano, ma lei è promessa sposa al figlio di un importante boss.
Per convolare a nozze, il nostro protagonista deve ottenere il sì del padre della sua amata che vive in un paesino siciliano. Arturo, giovane e squattrinato, ha un solo modo per raggiungere l'isola: arruolarsi nell'esercito americano che si prepara per lo sbarco in Sicilia: l'evento che cambierà per sempre la storia della Sicilia, dell'Italia e della Mafia.

 

 

Venerdì 14 luglio - Notte del Cinema, ore 21.30  - Ponte di San Martino

Puntate de IL TESTIMONE
Un gelato con Saviano e Romagna nostra

 


Il testimone è un programma televisivo condotto da Pif, in onda dal 2007.
Il programma si propone di mostrare storie, eventi, e persone attraverso l'occhio di una piccola telecamera che lo stesso conduttore porta con sé durante i reportage. La particolare tecnica di ripresa di Pif, concede allo spettatore una visione della realtà concreta, e permette di trasmettere il messaggio sociale presente in ogni puntata.

 

 

mercoledì 19 luglio, ore 21.30 - Piazza del Popolo

LA MAFIA UCCIDE SOLO D'ESTATE
di Pif (Italia/2013) 85'

 


Il film narra l'educazione sentimentale e civile di un bambino, Arturo, che nasce a Palermo lo stesso giorno in cui Vito Ciancimino, mafioso di rango, è stato eletto sindaco.
E' una storia d’amore che racconta i tentativi di Arturo di conquistare il cuore della sua amata Flora, una compagna di banco di cui si è invaghito alle elementari.
Arturo è un ragazzo come tanti altri dell'Italia degli anni '70 ma, a differenza dei suoi coetanei del nord, è costretto a fare i conti con le infiltrazioni e le azioni criminose della mafia nella sua città. La consapevolezza di Arturo cresce anno dopo anno, ma nessuno lo ascolta. Palermo ha altro a cui pensare.