1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Cesena - Testata per la stampa

Malatesta 600

Malatesta 600 è il contenitore tematico che la Biblioteca Malatestiana ha promosso in occasione delle celebrazioni per il 600° anniversario della nascita di Malatesta Novello (1418-2018) per ospitare le diverse iniziative che sono state organizzate per rilanciare lo studio e la ricerca sulla figura di Malatesta Novello e più in generale sul periodo malatestiano. Convegni, conferenze, presentazioni e mostre approfondiranno aspetti diversi in una prospettiva il più possibile unitaria, spaziando dalla presenza ebraica a Cesena alla miniatura dei codici malatestiani, dalle architetture segrete della Libraria Domini all’esito delle indagini scientifiche condotte sui resti mortali di Malatesta Novello.

 
 
  1. Venerdì 5 e sabato 6 ottobre: convegno di studio "Hortus in bybliotheca. Un itinerario nel giardino della miniatura"
  2. Sabato 13 ottobre: "La Biblioteca Malatestiana. Storie & segreti"
  3. Sabato 27 ottobre: "Indagini sulle presunte spoglie di Malatesta Novello"
  4. Martedì 20 novembre: Premio Malatesta Novello
 
 


Venerdì 5 ottobre 2018

Sabato 6 ottobre 2018
Convegno di studio
Hortus in bybliotheca. Un itinerario nel giardino della miniatura
Il convegno è dedicato all’illustrazione medievale e rinascimentale nei manoscritti malatestiani, della Piana e del Duomo cittadino. Verranno presentate importanti e nuove ricerche dedicate ai miniatori emiliani, e al loro rapporto con la Romagna, all’iconografia dell’Ovidio moralizzato, alla decorazione rinascimentale nei codici di committenza bessarionea e in quelli della Cattedrale; sarà dato spazio alla tematica della musica e della liturgia nei corali cesenati, con la spiegazione e l’esecuzione di alcuni brani di particolare interesse.

Programma: 

Venerdì 5 ottobre, Aula Magna
10.00
Apertura e saluti

10.30
Christopher De Hamel (Cambridge, Corpus Christi College)
Introduzione ai lavori
Prima sessione: la miniatura bolognese del XIII-XIV secolo in Malatestiana

11.00
Beatrice Alai (New Haven, Beinecke Library)
Il fondo dei manoscritti conventuali della Biblioteca Malatestiana ed una proposta per il Maestro del 1328

11.30
Gianluca Del Monaco (Università di Bologna)
L’Infortiatum miniato della Biblioteca Malatestiana di Cesena (ms. S.IV.2): una preziosa testimonianza
dell’illustrazione giuridica bolognese del Trecento

12.00
Dibattito

Seconda sessione: la miniatura del XV-XVI secolo
14.00
Cristina Venturini (Università degli Studi di Padova)
L’alterna fortuna iconografica del mito di Perseo nei codici medievali delle Metamorfosi di Ovidio e dell’Ovidius moralizzatus di Pierre Bersuire

14.30
Lucrezia Signorello (Università degli studi di Roma "La Sapienza")
La tradizione del ritratto numismatico nell’illustrazione dei codici malatestiani delle Vitae di Plutarco: mss. S.XV.I, S.XV.2 e S.XVII.3

15.00
Bryan Keene (Getty Museum, L.A.)
Novità sui Bessarioni

15.30
Dibattito

18.00
Giacomo Baroffio, Kim Eu
Liturgia e canto nei corali del Bessarione

Sabato 6 ottobre, Aula Magna
17.00
Christopher De Hamel presenta il suo ultimo libro Storia di dodici manoscritti

************************************************************


Sabato 13 ottobre 2018
Aula Magna e Sala San Giorgio, ore 17.00
Presentazione del volume e inaugurazione della mostra
La Biblioteca Malatestiana. Storie & segreti 
(Il Vicolo Editore, 2018)

Intervengono: Paola Errani, Piero Lucchi, Ilaria Maggiulli, Marco Palma, Daniele Pascale Guidotti Magnani e Marisa Zattini

Questo nuovo lavoro collettivo dedicato alla Malatestiana presenta elementi di novità che coinvolgono l’intero processo produttivo, dall’ideazione del progetto alle modalità di finanziamento, dalla metodologia di lavoro utilizzata ai risultati conseguiti dai diversi percorsi di ricerca. Il volume dedica un’attenzione privilegiata agli aspetti materiali del manufatto e del corpus manoscritto: quelle “architetture segrete” che rimandano tanto alle caratteristiche costruttive della biblioteca quanto alle modalità di formazione e di strutturazione della raccolta libraria, ovvero l’ordine degli spazi e l’ordine dei libri. E ancora, strettamente connesso alla materia edilizia e a quella scrittoria, l’elemento umano: quello simbolico dei viri illustres testimoniati dai codici a formare un pantheon ideale di riferimento e quello carnale di coloro che quegli spazi hanno percorso e quei libri hanno consultato lasciando la propria indelebile traccia sui muri e sui plutei.

Paola Errani è la responsabile della biblioteca antica e dei fondi storici della Biblioteca Malatestiana.
Piero Lucchi ha diretto la Biblioteca Malatestiana e la Biblioteca del Museo Correr di Venezia.
Ilaria Maggiulli è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna.
Marco Palma è professore ordinario di Paleografia latina all’Università di Cassino.
Daniele Pascale Guidotti Magnani è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Architettura e professore a contratto di Storia dell’architettura presso la Scuola di Ingegneria e Architettura dell’Università di Bologna.
Marisa Zattini è architetto, artista e art director de Il Vicolo Editore.

************************************************************


Sabato 27 ottobre 2018

Aula Magna, ore 11.00
Indagini sulle presunte spoglie di Malatesta Novello
Interviene Francesco Maria Galassi
Nelle giornate dall’8 all’11 febbraio 2018 sono state effettuate indagini non invasive, condotte dalla ditta Ahrcos sulla parete di fondo della Malatestiana nella zona adiacente alla lapide, per consentire una ricognizione archeologica, antropologica e paleo-patologica sui presunti resti di Malatesta Novello. Dopo le operazioni – eseguite alla presenza dell’architetto Emilio Roberto Agostinelli, responsabile Patrimonio Architettonico della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Ravenna, e della dott.ssa Cinzia Cavallari, funzionaria archeologa della Soprintendenza responsabile del territorio di Cesena – si è proceduto all’apertura dell’urna rinvenuta dietro alla lapide. L’urna conteneva una serie di ossa, due rotoli di pergamena chiusi in due cilindri di piombo, e due suole in cuoio appartenenti a un paio di calzature. La ricognizione antropologica e paleo-patologica
è stata compiuta da un team dell’Università di Zurigo guidata dal paleopatologo Francesco Maria Galassi. Durante l’incontro saranno dunque resi noti i risultati delle indagini condotte sui campioni delle ossa tramite C14 volte a stabilire il secolo di appartenenza delle stesse.

Francesco Maria Galassi medico e paleopatologo, è assistente presso l’Università di Zurigo (Svizzera) e Senior Research Associate presso l’Università di Flinders (Australia), con precedenti esperienze di ricerca
presso l’Università di Oxford e l’Imperial College di Londra. Autore di numerosissime pubblicazioni storico-mediche su importanti riviste scientifiche internazionali e co-autore del libro Julius Caesar’s disease. A New Diagnosis (Pen and Sword Books, 2016), ha tenuto conferenze e seminari presso prestigiose istituzioni quali il Gordon Museum of Pathology, l’Université Paris Descartes, la Duke University,
il Museu Nacional de Arqueologia di Lisbona ed è membro di numerose accademie e società scientifiche, tra cui la Royal Society of Medicine. La sua attività di ricerca è stata recensita sulle maggiori testate nazionali
ed internazionali. Nel 2017 la rivista americana Forbes lo ha incluso nella lista dei 30 scienziati under 30 più influenti in Europa.

************************************************************


Martedì 20 novembre 2018
Biblioteca Piana, ore 17.00
Premio Malatesta Novello
Il Premio Malatesta Novello - Città di Cesena è stato istituito nel 2007 quale riconoscimento per i cesenati che, con la loro opera, hanno contributo al miglioramento della città, proprio come in passato fece Malatesta Novello, Magnifico Signore, con l’istituzione della Libraria Domini, oggi Memoire du Monde. Il Premio Malatesta Novello-Città di Cesena nasce come omaggio di stima, esclusivamente di prestigio morale, da attribuire a persone, cesenati per nascita o residenza o che abbiano operato a favore della città, che si siano distinte per la loro opera meritoria in campo sociale, culturale, artistico, scientifico, sportivo ed economico. Il premio può essere attribuito anche alla memoria. Il regolamento stabilisce che i candidati vengano individuati dai componenti della Giuria, presieduta dal Sindaco di Cesena e composta da due giurati nominati dal primo cittadino.
I cittadini di Cesena possono proporre nominativi meritevoli del Premio motivando la candidatura.
In ogni edizione vengono premiate fino a tre persone per le categorie relative all’impegno nella città di Cesena, nel mondo (portando quindi lustro alla città) e alla memoria. I vincitori, o loro rappresentanti o eredi vengono invitati a partecipare alla Cerimonia di premiazione che si terrà il 20 novembre. Proprio il 20 novembre, infatti, ricorre la morte di Malatesta Novello e la fine della signoria malatestiana sulla città. In tale occasione, e alla presenza delle autorità, i vincitori ricevono ufficialmente e personalmente il riconoscimento






 
 

Eventi precedenti:


Domenica 2 settembre 2018
Sala Lignea, ore 9.00
Convegno di studio
Cesena ebraica. Un percorso fra carte e codici

 

 


Data Ultima Modifica:
07 Settembre 2018

Data di Pubblicazione: 27/08/2018