1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Omaggio a Dario Argento

Il nuovo anno si apre con l’uscita nelle sale italiane di Suspiria, omaggio di Luca Guadagnino all’omonimo capolavoro horror di Dario Argento: Cesena Cinema coglie l’occasione per proporre per questo mese tre lunedì dedicati ai grandi classici del maestro dell’horror italiano, e riscoprire sul grande schermo veri e propri cult del genere. Si comincia lunedì 7 gennaio con 4 mosche di velluto grigio, per proseguire con Profondo Rosso e L’uccello dalle piume di cristallo.

 
 

Lunedì 11 febbraio, ore 21.00 - Cinema San Biagio

SUSPIRIA
(Italia/1977) di Dario Argento (95')

Un’opera dove scenografie, tendaggi, specchi, planimetrie déco, orripilanti volumi vuoti e ogni tenebrosa sfumatura di rosso sono i veri protagonisti. Primo film horror di Argento, Suspiria è “puro design della pau- ra” (Roberto Pugliese). Una ragazza americana giunge a Friburgo per studiare danza, ma l’Accademia si rivela antro delle streghe, di riti occulti e di morti orribili. Il gotico si fa formicolante, in senso proprio: comincia a dispiegarsi l’ossessione dell’autore per gli insetti. Il restauro del formidabile Technicolor di
Luciano Tovoli ha dato al film un’aura laccata e iperrealista che gli rende ottimo servizio. Titolo tratto dal
Suspiria de profundis di Thomas De Quincey.

 
 

Eventi precedenti:

Lunedì 7 gennaio, ore 21.00 - Cinema San Biagio

4 MOSCHE DI VELLUTO GRIGIO 
(Italia/1971) di Dario Argento (105')


Roberto Tobias è un musicista che da qualche tempo è vittima di pedinamento. Una sera, trovandosi faccia a faccia con l'ignoto persecutore, lo affronta e nella colluttazione che ne segue lo pugnala a morte. Ma un individuo mascherato fotografa l'omicidio e comincia a tormentare Roberto, il quale si rivolge a un investigatore privato.
Un film in bilico fra il primo e il nuovo Argento, che anticipa Profondo Rosso nel suo slancio verso l'irrazionale. Colonna sonora di Ennio Morricone e il più bel finale di tutto il cinema di Argento. 

 

Lunedì 14 gennaio, ore 21.00 - Cinema San Biagio

PROFONDO ROSSO

(Italia/1975) di Dario Argento (127')


Un jazzista che si fa detective per sfuggire a un destino di vittima, una villa degli orrori sepolti, una
storia d'ordinaria follia, la mai superata tragedia dell'infanzia. E una costruzione implacabile, un
impressionante accumulo di dettagli che non perde mai di vista la simmetria, un lavorio lucido sui
nervi di chi guarda che confonde gli appelli alla logica. Come in Blow up, è tutta una questione di
saper vedere, di riconoscere la cifra nel tappeto. Ma al piacere cartesiano dell'esercizio intellettuale
si sostituisce un richiamo disturbante a luoghi oscuri dell'immaginario. Un grande film senza
precedenti e senza epigoni nel cinema italiano, e non solo.

 
 

Lunedì 21 gennaio, ore 21.00 - Cinema San Biagio

L’UCCELLO DALLE PIUME DI CRISTALLO
(Italia-RFT/1970) di Dario Argento (98')

Debutta Dario Argento con la storia d’uno scrittore americano a Roma, di un serial killer, di un certo particolare che sfugge alla visione. C’è qualche grato debito verso il cinema di Mario Bava, ma di fatto è l’inizio d’una poetica e d’una retorica personale (suoni distorti, rumori amplificati, impermeabili neri,
lame luccicanti), che produrrà imitazioni ma resterà ineguagliata nel panorama nazionale. Autentica su-
spense, come poi solo in Profondo rosso, e splendidi paesaggi urbani carichi d’una paura più asciutta e
contemporanea rispetto a future, arcane rivisitazioni di città. Nuovi autori crescono.

 
 
 
 
 
 
 
 

Data Ultima Modifica:
22 Gennaio 2019

Data di Pubblicazione:
12 Dicembre 2018

Per contattare gli uffici comunali scrivi a facile@comune.cesena.fc.it

Qualora questo articolo dovesse contenere errori o inesattezze si prega di segnalarlo a redazioneweb@comune.cesena.fc.it