1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Procedimento unico di VIA

Con l'entrata in vigore della L.R. 20 aprile 2018, n. 4, è stato introdotto il provvedimento autorizzatorio unico di V.I.A. normato dagli articoli da 15 a 21.

Tale provvedimento comprende il provvedimento di VIA e i titoli abilitativi necessari per la realizzazione e l'esercizio del progetto rilasciati dalle amministrazioni che partecipano
alla conferenza di servizi.


Il provvedimento autorizzatorio unico, oltre a ricomprendere gli atti e le autorizzazioni necessarie alla realizzazione e all'esercizio del progetto, costituisce variante agli strumenti di pianificazione territoriale, urbanistica e di settore, a condizione che sia stata espressa la valutazione ambientale (Valsat) positiva, di cui agli articoli 18 e 19 della legge regionale 21 dicembre 2017, n. 24 (Disciplina regionale sulla tutela e l'uso del territorio), nei seguenti casi:

  • opere pubbliche o di pubblica utilità;
  • interventi di ampliamento e ristrutturazione di fabbricati adibiti all'esercizio d'impresa (…);
  • insediamento di impianto produttivo per attività incluse nell'ambito di applicazione del DPR 7 settembre 2010, n. 160 (…), nei comuni in cui lo strumento urbanistico non individua aree destinate all'insediamento dei medesimi impianti o individua aree insufficienti.

Per l'adozione del provvedimento autorizzatorio unico si seguono le disposizioni di cui all'art. 27-bis, comma 7 del decreto legislativo n. 152/2006: l'autorità competente adotta il provvedimento autorizzatorio unico con atto di Giunta, recante la determinazione motivata della conferenza di servizi, ne dà comunicazione al proponente e alle altre amministrazioni interessate e lo pubblica sul proprio sito web, nonché, per estratto, nel BURERT.

I titoli abilitativi necessari per la realizzazione e l'esercizio del progetto contenuti nel provvedimento autorizzatorio unico acquisiscono efficacia dalla data di approvazione del provvedimento autorizzatorio unico stesso.

 
Come si fa?

Il procedimento unico di VIA viene attivato compilando l'apposito modello di istanza sotto scaricabile e trasmettendolo al Comune in una delle seguenti modalità:

 

- istanza in bollo in formato cartaceo, con documentazione in formato elettronico contenuta in un cd, al Protocollo del Comune

- in formato elettronico (istanza e documentazione allegata) via pec.

 
Cosa Occorre?
  • Domanda/Istanza in bollo da € 16,00

    con allegata la documentazione richiesta
  • Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà del costo previsto di progettazione e realizzazione del progetto

  • Ricevuta di pagamento degli oneri delle spese di istruttoria

 
Quanto Costa?

Oltre al costo del bollo per l'istanza, sono previste spese istruttorie, disciplinate all’art. 31 della L.R. 4/2018, pari allo 0,04% del valore dell’opera o dell’intervento (è comunque previsto un contributo istruttorio minimo pari a 1.000€).

I versamenti relativi ai procediemnti unici di VIA di competenza comunale vanno effettuati a:


Tesoreria Comunale
MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.p.A – Filiale di Cesena
Corso Garibaldi, 2 angolo Via Dandini
47521 Cesena (FC)
Codice IBAN: IT15 O 01030 23901 000001514209


indicando la causale “Spese istruttorie per il procedimento unico di VIA relativo al
progetto ……………….. presentato da ……………..

 
Dove:
Sportello Facile - Punto Accoglienza e Protocollo
Piazzetta Cesenati del 1377, 1 47521 - Cesena
Orari:
  • Lunedì, Mercoledì, Venerdì, Sabato dalle 8.00 alle 13.30
  • Martedì e Giovedì dalle 8.00 alle 17.00 
 
Via e-mail o fax:
E-mail : protocollo@pec.comune.cesena.fc.it
 
Per Informazioni:
E-mail: ambiente@comune.cesena.fc.it
Telefono: 0547.356426-356502
 
Quanto Tempo Serve?

Tale procedura si svolge secondo una serie di fasi che in estrema sintesi prevedono:

  • la pubblicazione della documentazione sul sito web dell’autorità competente e la possibilità per chiunque di presentare osservazioni entro 60 giorni dalla pubblicazione
  • il coinvolgimento di tutti gli enti potenzialmente interessati
  • una eventuale richiesta di documentazione integrativa
  • la decisione in merito alla compatibilità dell’intervento da parte dell’autorità competente, tenendo conto delle eventuali osservazioni pervenute.

 

All'interno dell’iter amministrativo è previsto anche l'utilizzo dello strumento della conferenza di servizi, che coinvolge gli enti e le amministrazioni che devono rilasciare permessi, autorizzazioni, nulla osta o atti di assenso comunque denominati.

 
Normativa
 
Responsabile
Claudio Turci
Servizio Attività Estrattive, Valutazioni Ambientali, Bonifiche Amianto, Protezione civile
e-mail: turci_c@comune.cesena.fc.it
Telefono: 0547-356426
 
 

Data Ultima Modifica:
28 Maggio 2019

Data di Pubblicazione:
28 Maggio 2019

Per contattare gli uffici comunali scrivi a facile@comune.cesena.fc.it

Qualora questo articolo dovesse contenere errori o inesattezze si prega di segnalarlo a redazioneweb@comune.cesena.fc.it