/
Domenica 26 gennaio Conferenza: Seneca contro Seneca? Il filosofo e il poeta

Domenica 26 gennaio 2020, nel consueto orario mattutino delle 10,30, presso la Sala Lignea della Malatestiana, è in programma il secondo appuntamento della serie organizzata come ogni anno dall’Associazione Amici della Biblioteca Malatestiana.

Tema dell’incontro “Seneca contro Seneca? Il filosofo e il poeta”.
Ad animare la dotta conferenza sarà il professor Gilberto Giuseppe Biondi, professore emerito dell’Università di Parma, che con la consueta capacità di appassionare l’uditorio, rende  vive ed avvincenti storie e suggestioni della letteratura latina.

Nell’ambito dell’incontro Paola Errani, per trent’anni responsabile dei fondi antichi della Malatestiana, illustrerà due codici custoditi nell’Aula del Nuti, entrambi provenienti dal lascito di Giovanni di Marco da Rimini, il medico personale di Novello Malatesta.

I codici sono D.XXVI.5 (databile al primo quarto del sec. XV) che contiene le tragedie di Seneca, e S.XX.1 (databile alla fine del sec. XIII) che contiene le Epistole a Lucilio, opere filosofiche e le tragedie.

Ma perché Seneca è ancora così affascinante per noi moderni?

“Seneca - spiega il professor Biondi - rappresenta una colonna portante nell'autocoscienza  della civiltà, non solo occidentale. Il suo pensiero è talmente vasto e profondo e, nello stesso tempo, così dialettico e, come è stato detto del suo stile, ‘drammatico’ che, tuttora come nel percorso della sua bimillenaria frequentazione, è esposta a diverse, a volte opposte interpretazioni e letture. Uno degli aspetti più dinamici e perciò più critici del suo pensiero riguarda proprio la sua produzione poetica, in particolare l'insieme delle sue tragedie che la Biblioteca Malatestiana custodisce in due preziosi codici.
L'analisi psicologica, viva e modernissima, che Seneca poeta conduce nella rappresentazione dei suoi personaggi, in particolare dei più mostruosi come Medea, Fedra, Atreo, quasi alla ricerca del seme del male, ha spesso indotto  - nel passato come nella critica più recente - a leggere in Seneca poeta un pensiero negativo, diverso e perfino opposto al pensiero di Seneca filosofo.

Nell'incontro di domenica 26 gennaio, cercheremo di avvicinarci a questa complessa figura che, forse più di ogni altra, continua a mobilitare il pensiero, sia laico sia religioso, dell'uomo contemporaneo”.
 
 
 

DOVE
Sala Lignea - Biblioteca Malatestiana
Piazza Bufalini 1, Cesena
QUANDO
Domenica 26 gennaio
INGRESSO
gratuito
CONTATTI E INFORMAZIONI
www.malatestiana.it
Tel. 0547 610892