1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Cesena
Comune di Cesena - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Versione stampabile della pagina

Il Comune di Cesena dice no alla Tesoreria unica nazionale

e annuncia azioni legali per opporsi al provvedimento

Tesoreria unica nazionale: il Comune di Cesena non ci sta. Di fronte all'ipotesi - prospettata nel Decreto Liberalizzazioni -  di dover trasferire nella Tesoreria unica il 50% della propria liquidità (finora affidata al Tesoriere comunale), l'Amministrazione cesenate si mobilita al fianco dell'Anci e della gran parte dei Comuni italiani e, nel caso la norma venisse confermata, si prepara a intraprendere un'azione legale contro di essa per chiedere la sospensione del provvedimento.  Già approvata una delibera di Giunta che autorizza il Sindaco ad avviare questo percorso.

"Questo provvedimento - spiegano il Sindaco Paolo Lucchi e il Vicesindaco Carlo Battistini -rappresenta un nuovo attacco al principio di autonomia sancito dalla Costituzione. Agli enti locali viene impedito di gestire direttamente le proprie risorse. Per il nostro Comune significa l'obbligo di trasferire in capo alla Tesoreria centrale i nostri conti correnti fruttiferi, da cui transitano le entrate tributarie ed extratributarie e che utilizziamo per la gestione corrente.
 
Tradotto in cifre, significa rinunciare a una giacenza media mensile di circa 2 milioni di euro, con picchi che possono arrivare fino a sei milioni di euro nei periodi di incasso dell'Ici. Siamo molto lontani dai principi del federalismo e dell'autonomia finanziaria propugnati negli ultimi anni: ai Comuni vengono addossate sempre maggiori responsabilità, ma sul fronte finanziario - come ha sottolineato il  presidente Anci Delrio - siamo trattati alla stregua di monelli che hanno sperperato. Questo è molto deludente per chi, come noi, si è impegnato per una gestione oculata e virtuosa".

"Inoltre - aggiungono Sindaco e Vicesindaco - al di là del fatto che la Tesoreria Unica impone tassi di interesse più bassi a scapito delle finanze comunali, con questa norma si rischiano ripercussioni negative sull'intera economia dei territori: infatti, togliendo agli istituti di credito locali i compiti di tesoreria si sottraggono somme importanti al sistema creditizio del territorio, anche in termini di finanziamenti alle imprese. In un momento di crisi come quello attuale, non ci sembra  che sia l'idea migliore per favorire la ripresa".

 
 
 

Ufficio stampa
Federica Bianchi

 
 
 
 
 
 
 

Data Ultima Modifica: 01/03/2012

Data di Pubblicazione: 01/03/2012

Qualora questo articolo dovesse contenere errori o inesattezze si prega di segnalarlo a redazioneweb@comune.cesena.fc.it


 
 

Siti Tematici

 
Turismo e Cultura
Ambiente e Tutela del Territorio
Giovani, Lavoro e Progetti Europei
Scuola e Formazione
Servizi Sociali
Urbanistica, Cartografia e Statistica
Quartieri

Posta Elettronica Certificata

Vai alle informazioni sulla PEC

Comune di CESENA - Piazza del Popolo 10 - 47521 Cesena (FC)
Tel. 0547-356111 - Fax 0547-356444 - P.IVA 00143280402 - IBAN IT95L0612023933T20010021020