testata per la stampa della pagina

Un sito web tutto nuovo per la Biblioteca Malatestiana

La Biblioteca Malatestiana di Cesena ha rinnovato radicalmente il proprio sito istituzionale, per presentarsi in veste e funzioni adeguate all'appuntamento ormai prossimo - a conclusione del secondo lotto di lavori - dell'inaugurazione della nuova biblioteca ampliata agli spazi che furono del Liceo Classico.

Fermo all'ormai lontano 2002 - anno di avvio delle celebrazioni del 550° di fondazione - il sito aveva proprio bisogno di un restyling totale, a partire dalla possibilità dei gestori di intervenire facilmente nell'aggiornamento delle pagine, per finire con la grafica, che deve essere consona a un istituto che assomma in sé varie attitudini e funzioni, ma che resta espressione della biblioteca che prima in Italia si fregia del titolo di Mémoire du Monde dell'Unesco.
Realizzato in linea con gli standard sulla web accessibilità, il sito è prima di tutto una grande e variegata vetrina dei servizi che la Malatestiana offre, con tutte le informazioni necessarie ai lettori per usufruirne, mentre alla voce "cataloghi" sono messi a disposizione degli utenti i più avanzati strumenti di ricerca di documenti e immagini, con link diretti e brevi introduzioni.

La biblioteca si presenta nella ricchezza delle sue collezioni antiche e moderne e delle sue risorse, materiali e immateriali. La biblioteca on line, ad esempio, offre accesso a interi nostri archivi, come l'interessantissima collezione di medaglie del fondo Comandini, oltre 700 pezzi minutamente descritti, o il fondo dei patrioti cesenati, che recupera in rete i dati anagrafici dei cesenati impegnati nelle campagne del Risorgimento, e poi filmati, gallerie fotografiche dedicate ai temi del giorno, la possibilità di iscriversi alla mailing list della Malatestiana e molto altro ancora. La novità vera però, è nella home, dove scorre l'attualità culturale della biblioteca, e dove la biblioteca richiama l'attenzione dei suoi lettori non solo sulle proprie attività, ma sui temi che animano il dibattito odierno, nella consapevolezza che lo sviluppo del Paese passa attraverso la cultura. Alla sua sezione più vivace e attiva, la biblioteca Ragazzi, la Malatestiana riserva un posto specialissimo con linguaggio, tematiche, materiali che, pure essendo in linea con l'economia generale del sito e la sua configurazione, rispondono alle esigenze dell'universo giovanile e di quanti di esso si occupano.

Pubblicato già da alcune settimane, il sito è in fase di sperimentazione e di monitoraggio e, mentre attende le valutazioni e i consigli di navigatori e lettori (già oltre 600 i visitatori), il nuovo sito ha in serbo per l'immediato futuro altre novità, come la release completamente rifatta del Catalogo aperto, che rinverdirà la funzionalità di un progetto per il quale, agli inizi del nuovo millennio, la Malatestiana fu all'avanguardia nel coniugare le risorse del web con la ricerca.

Per scoprire tutto, dunque, sulla Malatestiana, l'indirizzo è quello solito, ma le novità sono davvero tante a www.malatestiana.it ehttp://www.malatestiana.it/ragazzi/index.asp

 
 
 

Ufficio stampa
Federica Bianchi

 
 
 
 
 
 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito