testata per la stampa della pagina

Il Marzo delle Donne invita alla riscoperta di "La Palmina" di Ida Sangiorgi

La presentazione del libro giovedì 22 marzo, ore 17.30 - Sala Rossa del San Biagio

Una riscoperta letteraria per il nuovo appuntamento con il Marzo delle Donne: giovedì 22 marzo, alle ore 17.30 nella Sala Rossa del Centro San Biagio l'assessore alla Cultura Elena Baredi,  il professor Marino Biondi e Rosarita Berardi presidente della Libera Accademia degli Evasi di Faenza presenteranno "La Palmina" romanzo di Ida Sangiorgi, ripubblicato di recente dalla casa editrice Il Ponte Vecchio in collaborazione con la Libera Accademia degli Evasi. L'incontro sarà accompagnato dalle letture di Vanni Cristofori.

Nata a Faenza nel 1899 e trasferitasi poco più che trentenne a Cesena (dove fu per molti anni insegnante nelle scuole cittadine e dovevisse fino alla morte avvenuta nel 1971), Ida Sangiorgi è stata una protagonista della vita politica e culturale cesenate. Antifascista fin dal 1922, nel dopoguerra fu la prima donna eletta nel Consiglio Comunale di Cesena, nelle fila del Partito Comunista, e si impegnò soprattutto nelle battaglie per la scuola e in difesa dell'infanzia.

Accanto all'impegnò politico si dedicò con passione alla narrativa, scrivendo alcuni romanzi, fra cui spicca appunto "La Palmina". Il libro racconta la storia di una famiglia di contadini romagnoli nello scorcio di tempo che va dalla fine dell'Ottocento alla prima guerra mondiale ed ebbe fra i suoi estimatori il poeta Marino Moretti. Pubblicato nel 1955 da Mondadori nella prestigiosa collana "La Medusa degli Italiani", fu fra i finalisti della la 25esima edizione del Premio Viareggio (vinto quell'anno da  "Metello" di Pratolini). Ottenne inoltre altri riconoscimenti nazionali, tra cui la segnalazione al premio "Grazia Deledda".

 
 
 

Ufficio stampa
Federica Bianchi

 
 
 
 
 
 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito