1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Liberiamo l'aria 2018/2019

Tornano a circolare i diesel Euro 4

Torna anche a Cesena, "Liberiamo l'aria", misure per la qualità dell’aria e contro l’inquinamento previste dal “Piano aria integrato regionale” (Pair2020), con il quale la Regione Emilia-Romagna mette in campo le misure necessarie per rientrare nei valori limite degli inquinanti atmosferici fissati dall’Unione Europea.

Le misure antismog saranno in vigore dal 1° ottobre 2018 al 31 marzo 2019.

ATTENZIONE! A seguito di incontro tra la Regione Emilia-Romagna ed i Comuni coinvolti dai blocchi del traffico, dal 9 ottobre sono stati esclusi dalle limitazioni ordinarie alla circolazione i veicoli Diesel Euro 4 (il divieto permane invece in caso di allerta arancione e rossa) >>Vedi comunicato stampa

L'area interessata
L'area interessata - clicca per ingrandire o scarica a fondo pagina

Le limitazioni alla circolazione


Le limitazioni ordinarie riguarderanno le classi di veicoli più inquinanti che, per i prossimi sei mesi, non potranno circolare dal lunedì al venerdì (nella fascia oraria 8.30-18.30) in un’area che abbraccia buona parte del centro urbano, come si può notare dalla mappa sotto allegata (ALLEGATO A).
Al suo interno sono previsti alcuni percorsi liberi per il collegamento ai parcheggi di scambio e un corridoio che attraversa il centro.

Sono previste inoltre 3 domeniche ecologiche, nelle quali sono in vigore le stesse limitazioni alla circolazione. Si tratta di:  domenica 11 novembre 2018, 3 febbraio 2019 e 10 marzo 2019, nella fascia oraria dalle 8.30 alle 18.30 

Al contrario, i divieti SONO SOSPESI nei giorni festivi di giovedì 1 novembre, martedì 25 dicembre e mercoledì 26 dicembre 2018 e nella giornata di martedì 1 gennaio 2019.

 
 

Chi può circolare


Sono esclusi dalle limitazioni i veicoli a benzina omologati Euro 2 o successive, i diesel omologati Euro 4 o successive, i ciclomotori e motocicli omologati Euro 1 o successive.

Sono inoltre esclusi i veicoli elettrici o ibridi dotati di motore elettrico, quelli funzionanti a metano o GPL, gli autoveicoli in car pooling (con almeno 3 persone a bordo se omologate a 4 o più posti oppure con almeno 2 persone a bordo se omologati 2/3 posti).

>> Verifica la classe ambientale del tuo veicolo nel Portale dell'automobilista

Prevista, poi, un’ampia serie di deroghe per consentire la circolazione a particolari categorie (disabili, persone che devono sottoporsi a particolari terapie, medici, paramedici, assistenti domiciliari, mezzi adibiti al trasporto di prodotti deperibili, mezzi di pronto intervento, veicoli diretti agli istituti scolastici per l'accompagnamento degli alunni in entrata e uscita..ecc.). 

>> Vedi tutte le Deroghe

 
Legna e pellet
Legna e pellet - clicca per ingrandire

Generatori di calore a legna o pellet


Sempre nel periodo 1° ottobre 2018 - 31 marzo 2019, è VIETATO l'utilizzo di biomassa legnosa (legna e pellet) per il riscaldamento ad uso domestico negli impianti di prestazione emissiva inferiore a “2 stelle” e nei focolari aperti o che possono funzionare aperti. 
Il divieto riguarda le abitazioni ubicate a quota altimetrica inferiore a 300 m, come individuato dalla planimetria sotto allegata (ALLEGATO B).

Per approfondire quali sono gli impatti della combustione di legna e pellet sulla qualità dell'aria, vai all'infografica realizzata da ARPAE 

 
I livelli di allerta
I livelli di allerta - clicca per ingrandire

I livelli di allerta

Come lo scorso anno sono inoltre previsti due livelli di allerta, che corrispondono a interventi di emergenza diversi. 

Livello arancione: dopo 4 giorni consecutivi di sforamento del valore massimo di Pm10 (50 microgrammi/mc)

Si aggiungono ai divieti e limitazioni già in essere:
-          la limitazione all'utilizzo dei veicoli diesel omologati Euro 4   
-          il divieto (in presenza di impianti di riscaldamento alternativi) di utilizzo di generatori di calore domestici a biomassa legnosa ubicati a quota altimetrica inferiore a 300 m con prestazioni emissive inferiori alla classe 3 stelle;
-          riduzione delle temperature di almeno un grado centigrado negli ambienti di vita riscaldati fino al limite massimo di 19°C (con tolleranza di 2°C) nelle case, negli uffici, nei luoghi per le attività ricreative associative o di culto e nelle attività commerciali; riduzione fino al limite massimo di 17°C nei luoghi che ospitano attività industriali e artigianali. Sono esclusi da queste indicazioni gli ospedali e le case di cura, le scuole e i luoghi che ospitano attività sportive;
-          il divieto di qualsiasi  tipo di combustione all'aperto (falò, barbecue, fuochi d’artificio, ecc.);
-          il divieto di sostare in strada con il motore acceso. 


Livello rosso: dopo 10 giorni consecutivi di sforamento del valore massimo di Pm10 (50 microgrammi/mc)

Alle misure previste per il primo livello si aggiunge il divieto (in presenza di impianti di riscaldamento alternativi) di utilizzo di generatori di calore domestici a biomassa legnosa ubicati a quota altimetrica inferiore a 300 m con prestazioni emissive inferiori alla classe 4 stelle.

Tutte le misure emergenziali resteranno in vigore fino al primo giorno di aggiornamento del bollettino (il primo lunedì o giovedì successivo al giorno del blocco).

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Per informazioni:

- sulle categorie Euro ed esenzioni: Settore Ambiente e Tutela del Territorio 0547-356502
- sui percorsi ammessi e zone vietate: Servizio Mobilità e Trasporti 0547-356451
- sulle sanzioni previste: Polizia Municipale 0547-354811
- su impianti termici: Sportello ExC 0547-356500

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Data Ultima Modifica:
10 Ottobre 2018

Data di Pubblicazione:
28 Settembre 2018

Per contattare gli uffici comunali scrivi a facile@comune.cesena.fc.it

Qualora questo articolo dovesse contenere errori o inesattezze si prega di segnalarlo a redazioneweb@comune.cesena.fc.it