1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Cesena - Testata per la stampa

27 dicembre 2015 - 7 febbraio 2016


Nowhere Landscapes

Opere di Angela Corelli,Gerardo Lamattina, Mauro Pipani,
Gloria Salvatori, Giorgia Severi
a cura di Sabina Ghinassi

Biblioteca Malatestiana
Piazza Bufalini, 1 Cesena
27 dicembre 2015 - 31 gennaio 2016
Inaugurazione domenica 27 dicembre ore 17.00

Galleria Comunale d'Arte
Palazzo del Ridotto
Corso Mazzini, 1 Cesena
9 gennaio - 7 febbraio 2016
Inaugurazione sabato 9 gennaio ore 18.00


Per una nuova geografia dello sguardo

Conferenze in Biblioteca Malatestiana, Aula Magna

Domenica 27 dicembre ore 18.00
Luciano Benini Sforza - Paola Masoni
Paesaggi dell'anima

Domenica 10 gennaio ore 17.00
Maria Rita Bentini - Elettra Stamboulis
Mappe e cartografie poetiche nell'arte contemporanea

Domenica 17 gennaio ore 17.00
Roberta Bertozzi
Paesaggi

Domenica 24 gennaio ore 17.00
Sabina Ghinassi
Nowhere Landscapes

Domenica 31 gennaio ore 17.00
Presentazione del catalogo
Edizioni Calligraphie
saranno presenti gli artisti

Info: Biblioteca Malatestiana - tel. 0547.610892
www.malatestiana.it - malatestiana@comune.cesena.fc.it

La mostra è un attraversamento del paesaggio attraverso lo sguardo e l'opera di cinque artisti differenti come generazione, scelta espressiva e radice culturale. Il paesaggio da esteriore diventa interiore grazie ad interventi poetici che uniscono il flusso di memoria, le sedimentazioni personali, gli intrecci di esperienze e intuizioni, di storie universali e di introspezioni soggettive. Un paesaggio che si fa intensamente esperienziale attraverso l'opera d'arte e, nello stesso tempo, diventa Nowhere, cioè nessun luogo e tutti i luoghi allo stesso tempo, ossimoro nel quale noi tutti siamo immersi. Questo luogo, che è tutto e niente, materiale e immateriale insieme, è la materia poetica intorno alla quale scivolano le opere dei cinque artisti in mostra: Mauro Pipani, Giorgia Severi, Angela Corelli, Gloria Salvatori, Gerardo Lamattina. Questo paesaggio, re-inventato e ri-trovato, segna uno degli scenari più significativi e importanti della ricerca artistica contemporanea: si trasforma in metafora esistenziale, si imbeve di memoria, di utopia, può arricchirsi di valenze squisitamente sensoriali o, al contrario, rarefarsi, perdendo deliberatamente materia, diventando contenitore di pensieri, di  incantamenti ma anche inquietudini e disagi. 

La mostra si lega al disagio sociale  del non riconoscersi nella propria pelle che caratterizza il nostro tempo, dove al bisogno di appartenenza si mescola contemporaneamente il bisogno di essere altrove o 
semplicemente altro da sé. La ricerca poetica degli artisti ricerca un modo nuovo di essere oltre a quello del luogo in cui è dato vivere per aprirsi a un sentire più autentico in grado di viaggiare dentro di sé, nonostante i limiti o cercando di superarli. È un invito a superare gli schemi quotidiani per riconoscere i frattali della realtà e intuire l'infinito possibile a partire dal semplice, una ricerca quasi terapeutica in grado di intuire lo spazio laddove sembra non esistere più, accettandone la fatica e trasformandola in qualcosa di nuovo, di altro, a cui appartenere empaticamente. I linguaggi degli artisti in mostra sono differenti.  Angela Corelli, prepotentemente pittorica, costruisce paesaggi interni che diventano il cahier de vie del suo sguardo e delle sue esperienze dentro il mondo.

Collegati al tema della mostra sono stati pensati quattro incontri che indagano da punti di vista diversi il paesaggio, nel suo carattere di liminalità tra luogo vissuto e altrove: protagonisti sono il poeta e giornalista Luciano Benini Sforza e la psicanalista Paola Masoni,  le due curatrici e critiche d'arte Elettra Stamboulis e Maria Rita Bentini, la curatrice e poetessa Roberta Bertozzi e infine Sabina Ghinassi, curatrice dell'evento, che racconterà il viaggio di questa mostra progettata per due sedi: la Biblioteca Malatestiana che ospita la prima sezione della mostra - un Terzo Luogo fortemente caratterizzato e affascinante -  e il Palazzo Del Ridotto con i suoi ampi spazi, che ospita la seconda sezione quella dedicata a progetti site specific e alle installazioni. La mostra è accompagnata da un catalogo edito in collaborazione con le Edizioni Calligraphie che sarà presentato il 31 gennaio nell' Aula Magna della Biblioteca Malatestiana.






 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


Data Ultima Modifica:
07 Ottobre 2016

Data di Pubblicazione: 22/12/2015