1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Guarda che luna! Il cinema festeggia l'allunaggio

 

Lunedì 8 luglio, ore 21.30 - Piazza della Libertà
GRAVITY
(USA/2013) di Alfonso Cuaròn (92')

L’astronauta Matt (George Clooney) e la dottoressa Ryan (Sandra Bullock) cercano di sopravvivere alla
distruzione della navicella Explorer. A partire dal lungo piano sequenza iniziale Cuarón racconta tormenti e problemi di una donna sola nello spazio. Sette Oscar vinti per un film di suspense e di magistrali effetti
speciali.

 
 

Martedì 9 luglio, ore 21.30 - Piazza della Libertà
L'UOMO CHE COMPRÓ LA LUNA

(Italia - Albania - Argentina/2018) di Paolo Zucca (102')

In Sardegna un uomo si è comprato la Luna, ma nessuno ne conosce il motivo. Su pressione degli Stati Uniti i servizi segreti italiani affidano all'agente Kevin Pirelli (Jacopo Cullin) il compito di indagare. Il suo vero nome è Gavino Zoccheddu, si spaccia per milanese e ha rinnegato ogni legame con la sua terra. Il regista de L’arbitro ripropone la sua Sardegna per una commedia dai toni variegati a cui ha collaborato anche Geppi Cucciari.
Incontro con Paolo Zucca
In caso di pioggia il film verrà proiettato all'Eliseo

 
 

Giovedì 11 luglio, ore 21.30  - Piazza della Libertà
MalatestaShort Film Festival. Best animation
Mascarpone (Germania/2018) di Jonas Riemer (14’)
a seguire

MUNE – IL GUARDIANO DELLA LUNA
(Francia/2014) di Alexandre Heboyan, Benoit Philippon (90')

E se il sole non tornasse a sorgere ogni mattina? O se la luna dimenticasse di illuminare la notte? Mune, piccolo fauno da poco nominato guardiano della luna, si trova a fronteggiare le forze del male che sono riuscite ad oscurare i due astri. Una favola sulla necessità di preservare i ritmi della natura.

 
 

Venerdì 12 luglio, ore 21.30 - Piazza della Libertà
2001: ODISSEA NELLO SPAZIO

(USA-Gran Bretagna/1968) di Stanley Kubrick (141')
Un misterioso monolite segna il cammino dell’uomo dalla preistoria ai viaggi planetari. Dalle pagine di Arthur C. Clarke il capolavoro di Stanley Kubrick che ha segnato il cinema di fantascienza e non solo. Un film controverso, stimolante e visivamente affascinante, tra kolossal e avanguardia.


 
 

Lunedì 15 luglio, ore 21.30 - Piazza della Libertà
LA VOCE DELLA LUNA
(Italia-Francia/1990) di Federico Fellini (118')
Il mite Salvini (Roberto Benigni) insegue sogni d’amore. Per la campagna trova un compagno di vagabondaggio nel patetico e paranoico Gonnella (Paolo Villaggio), prefetto in pensione, convinto di essere vittima di un complotto. Ispirato a Il poema dei lunatici di Ermanno Cavazzoni (qui sceneggiatore) è l’ultimo film, sconsolato e pieno di invenzioni oniriche, di Federico Fellini: un desolato commento sulla volgarità e l'abominio del presente, una fiaba contro il rumore a favore del silenzio.
Incontro con Syusy Blady
Per gentile concessione di RTI e INFINITY