1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina
 

Concorso per opere prime Monty Banks

 
 
 

I FILM IN CONCORSO

 
 
 

Lunedì 8 luglio, ore 21.30 - Chiostro di San Francesco
UN GIORNO ALL'IMPROVVISO

(Italia/2018) di Ciro D'Emilio (88')
La Campania martoriata del cinema recente torna ancora più ostile nel film di Ciro D'Emilio. Il racconto ruota intorno ad Antonio, promessa del calcio giovanile, e alla madre Miriam a dir poco problematica. Il ragazzo, figlio, ma in realtà genitore di una donna possessiva, rischia di perdere spensieratezze e opportunità.
Incontro con Ciro D'Emilio
In caso di pioggia il film sarà proiettato al cinema Eliseo

 
 

Venerdì 12 luglio - Notte del Cinema-, ore 21.30 - Chiostro di San Francesco
SULLA MIA PELLE
(Italia/2018) di Alessio Cremonini (100')
Il regista Alessio Cremonini riesce nel difficile compito di portare sullo schermo la tragica vicenda di Stefano Cucchi (Alessandro Borghi). Il film ripercorre con precisione e senza retorica i sette giorni d'agonia del giovane romano deceduto nel 2009 durante la custodia cautelare. Una ricostruzione implacabile che lascia emergere, senza enfasi drammatica, l'insostenibile sequela di errori, negligenze e colpe dei rappresentati dello Stato.
Incontro con Alessio Cremonini
In caso di pioggia il film sarà proiettato al cinema Eliseo

 
 

Sabato 13 luglio, ore 21.30 - Chiostro di San Francesco
SAREMO GIOVANI E BELLISSIMI

(Italia/2018) di Letizia Lamartire (92')

Nei primi anni Novanta Isabella ha diciotto anni ed è una star. Vent'anni più tardi si esibisce in un locale di provincia con il figlio chitarrista Bruno. È a causa del ragazzo che la sua carriera si è fermata, o almeno questo è quello che lei racconta. I due sono legati da un rapporto a tratti morboso e sembrano più̀ fratello e sorella che madre e figlio. Il loro (dis)equilibrio di "coppia" si rompe con l'arrivo nelle loro vite di Arianna, leader di un gruppo rock e di Umberto, ingegnere divorziato.
In caso di pioggia il film sarà proiettato al cinema Eliseo

 
 

Martedì 16 luglio, ore 21.30 - Arena San Biagio
RIDE

(Italia/2018) di Valerio Mastrandrea (95')
Carolina ha perso il marito, padre di suo figlio, per un incidente in fabbrica. Lei non riesce a piangere, perseverando in un'anestesia che scandisce le ore prima del funerale e disciplina la percezione dell'assenza. Il film racconta il lavorìo del lutto faticoso, silenzioso, intimo e sociale.
Incontro con lo sceneggiatore Enrico Audenino
In caso di pioggia il film sarà proiettato al cinema Eliseo

 
 

Venerdì 19 luglio, ore 21.30  - Arena San Biagio
IL CAMPIONE
(Italia/2019) di Leonardo D' Agostini (105')
Christian Ferro, giovanissimo, pieno di talento, indisciplinato, ricco e viziato, è un nuovo campione del mondo del calcio. La sua brillante carriera di attaccante è però messa a rischio dal carattere iracondo e dalla bravate cui si abbandona. Dopo l’ennesimo episodio il Presidente del club decide di impartirgli una lezione di disciplina per migliorare la sua pessima reputazione; ingaggia così il professore di liceo Valerio Fioretti (Stefano Accorsi) perchè lo prepari per l' esame di maturità. Solitario e schivo, con problemi economici da gestire e un' ombra del passato che incombe sul presente, anche il professore avrà qualche esame esistenziale da superare.
In caso di pioggia il film sarà proiettato al cinema Eliseo

 
 

STORIA DEL PREMIO

 
 

Nato a Cesena nel 1897, Monty Banks era figlio di povera gente: i suoi genitori (Leopoldo Bianchi e Giacinta Pieri) avevano gestito in città prima un'osteria poi un negozio di frutta e verdura. Nella città romagnola, visse in quella che oggi è via Ancona. Mario Bianchi emigra giovanissimo negli Stati Uniti dove, a New York, inizia la sua carriera artistica come ballerino. Notato dal produttore Mack Sennett, comincia a recitare come attore comico. La sua prima apparizione sullo schermo è del 1916 in Cold Hearts and Hot Flames, un corto di John G. Blystone: nei titoli, appare il nome di Monty Banks. Dopo questa prima prova, ritorna a Mario Bianchi nome che usa continuativamente fino al 1918, quando ritorna a Monty Banks per A Scrap of Paper, una comica di Roscoe 'Fatty' Arbuckle. Da quel momento, in quasi tutti i suoi film tranne un paio di casi, appare sempre con il nuovo nome. Diventa anche produttore: nel 1922 la sua compagnia Monty Banks Productions Inc. produce Six A.M. di Ben F. Wilson.
In seguito, dirige e interpreta numerosi film brillanti, fra cui Racing Luck (1924) e Keep Smiling (1925) e scrive sceneggiature e soggetti di film. Uno di questi, Play Safe, che interpreta diretto da Joseph Henabery nel 1927, gli porta la notorietà anche come scrittore di testi.

Con l'arrivo del cinema sonoro, il suo forte accento italiano lo danneggia nella recitazione, portandolo a privilegiare l'attività di regista e di sceneggiatore a discapito della sua carriera di attore. Si trasferisce così, nel 1929, in Gran Bretagna dove lavora come attore e regista: gira Adam's Apple (1​928), Atlantic (1929), il suo maggior successo come interprete, The Compulsory Husband del 1930, The Wife's Family del 1932 e La moglie domata (You Made Me Love You) del 1934.
Il più grande successo da regista di Banks è No Limit (1935), cui seguono Your Seats Please! (1937) e Smiling Along (1938). Essendo di nazionalità italiana, Banks - durante la seconda guerra mondiale - poteva rientrare tra gli "stranieri nemici" della Gran Bretagna. Per evitare il rischio di venire internato, lascia le isole britanniche e si trasferisce prima in Canada e poi negli Stati Uniti, che, al momento, sono ancora un paese neutrale. Negli USA, Banks dirige Stan Laurel e Oliver Hardy in Ciao amici! (Great Guns (1941) usando il nome Montague Banks.

La sua ultima apparizione è nel 1945 in Una campana per Adano (A Bell for Adano) di Henry King.
Banks aveva anche la cittadinanza statunitense oltre a mantenere quella italiana. Morì ad Arona il 7 gennaio 1950, all'età di 52 anni, in seguito ad un attacco cardiaco.

I vincitori delle precedenti edizioni di Piazze di Cinema:

- Premio Monty Banks 2011: 18 anni dopo di Edoardo Leo
- Premio Monty Banks 2012: Io sono Li di Andrea Segre
- Premio Monty Banks 2013: L'intervallo di Leonardo di Costanzo
- Premio Monty Banks 2014: Piccola patria di Alessandro Rossetto
- Premio Monty Banks 2015: Vergine giurata di Laura Bispuri
- Premio Monty Banks 2016: Arianna di Carlo Lavagna
- Premio Monty Banks 2017: Cuori puri di Roberto De Paolis
- Premio Monty Banks 2018: Manuel di Dario Albertini
- Premio Monty Banks 2019: Il campione di Leonardo D’Agostini