1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Referendum costituzionale 20-21 Settembre 2020

 
 
 


Il Parlamento italiano ha approvato la legge costituzionale concernente "Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari". Con questo voto si chiede agli elettori di confermare o meno tale riforma.

Il testo del quesito referendario è il seguente:
"Approvate il testo della legge costituzionale concernente “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - Serie generale - n. 240 del 12 ottobre 2019?"

Quando si vota
Domenica 20 settembre 2020 dalle 7.00 alle 23.00 e lunedì 21 settembre 2020 dalle 7.00 alle 15.00.

Chi può votare
Possono votare tutti i cittadini di nazionalità italiana, iscritti nelle liste elettorali del Comune di Cesena, che avranno compiuto 18 anni il giorno della votazione ovvero il 20 settembre 2020.

 
 

Affluenze:

 
     Totale Iscritti
     Votanti
     %
domenica ore 12
     74.640
     11.641
     15,60 %
domenica ore 19
     74.640
     26.938
     36,09%
domenica ore 23
     74.640
     32.523
     43,57%
lunedì ore 15
     74.640
     43.097
     57,74%

Stampe

 
 

Risultati:

 
     Voti
     %
     SI
     30.066
     70,15%
     NO
     12.792
     29,85%

Stampe

 
 

Tutte le info:

  1. Attività di propaganda
  2. Designazioni dei rappresentanti di gruppi, partiti, promotori per il Referendum costituzionale
  3. Scrutatori e Presidenti di seggio
  4. Votazioni per italiani residenti all'estero o che si trovano temporaneamente all'estero
  5. Cosa occorre per votare (dove si vota, smarrimento tessera eletorale, voto a domicilio, elettori disabili o in quarantena Covid-19, casi particolari)
  6. Informazioni sulle modalità di voto e sull'organizzazione dei seggi
 

Attività di propaganda


 

Designazioni dei rappresentanti di gruppi, partiti, promotori per il Referendum costituzionale

I delegati dei gruppi, partiti, promotori possono designare, presso ogni seggio elettorale, due propri rappresentanti, di cui uno effettivo e l'altro supplente.

Le designazioni possono essere presentate in due modalità:

entro le ore 14.00 di venerdì 18 settembre 2020 all'Ufficio elettorale presso lo Sportello Facile con accesso da Piazzetta dei Cesenati del 1377; in tal caso i Rappresentanti di Lista potranno presentarsi al Presidente di Seggio in qualunque momento dall'insediamento alla chiusura delle operazioni di seggio;

direttamente ai singoli Presidenti di Seggio il sabato pomeriggio, durante le operazioni di autenticazione delle schede, o la domenica mattina, prima che abbiano inizio le operazioni di voto; in tal caso, non potranno essere ammessi ad assistere alle operazioni di seggio i rappresentanti di lista che non si presentino al Presidente nei termini indicati.


La designazione è ammissibile solo se fatta per iscritto e con firma autenticata ai sensi dell'art.14 L.53/1990 s.m.i. da uno dei delegati oppure da una delle persone (c.d. subdelegati) che i delegati stessi hanno autorizzato in forma autentica. 

Il rappresentante designato deve essere elettore della Repubblica, saper leggere e scrivere e non incorrere nelle cause di esclusione ai sensi di legge.

Il rappresentante, se la sua designazione è effettuata dal subdelegato, deve esibire una fotocopia, anche non autenticata, dell'autorizzazione a designare che il delegato ha rilasciato a favore del subdelegato.


 

 

Scrutatori e Presidenti di seggio


Agli scrutatori  dei seggi ordinari spetta un onorario fisso di 104,00 euro.
Agli scrutatori  dei seggi speciali spetta un onorario fisso di 53,00 euro.
 
Agli scrutatori che saranno nominati sarà infine offerta la possibilità di un piccolo corso di formazione online, predisposto a cura dell’ufficio Elettorale qualche giorno prima del voto in orario compatibile con gli impegni di lavoro.
Informazioni sul corso di formazione


Ai Presidenti dei seggi ordinari spetta un onorario fisso di 130,00 euro.
Ai Presidenti dei seggi speciali spetta un onorario fisso di 79,00 euro.


 

 

Votazioni per italiani residenti all'estero

Gli elettori italiani residenti all’estero ai sensi della legge 27 dicembre 2001, n. 459 e del D.P.R. 2 aprile 2003 n. 104, votano per corrispondenza.
  
E' possibile in alternativa, per gli elettori residenti all'estero ed iscritti all'AIRE, scegliere di votare in Italia presso il proprio Comune di iscrizione elettorale, comunicando per iscritto la propria scelta (OPZIONE) all'Ufficio Consolare operante nella circoscrizione di residenza dell'elettore entro il giorno 28 Luglio 2020.

L'opzione potrà essere revocata con le medesime modalità ed entro gli stessi termini previsti per il suo esercizio.
Qualora l'opzione venga inviata per posta, l'elettore ha l'onere di accertarne la ricezione, da parte dell'ufficio consolare, entro il termine prescritto.

La scelta (opzione) di votare in Italia vale solo per una consultazione referendaria.

Tale comunicazione può essere scritta su carta semplice e - per essere valida - deve contenere nome, cognome, data, luogo di nascita, luogo di residenza e firma dell’elettore, accompagnata da copia di un documento di identità del dichiarante.

Per tale comunicazione si può anche utilizzare l’apposito modulo scaricabile da questo sito o da quello del proprio Ufficio consolare.

Per ulteriori informazioni consultare il seguente link: 
https://www.esteri.it/mae/it/servizi/italiani-all-estero/referendum-costituzionale-2020 

 
 
 

Elettori temporaneamente all'estero

Le persone residenti in Italia che si trovano all’estero per un periodo – nel quale sono compresi il 20 e il 21 settembre – di almeno tre mesi per motivi di studio, lavoro o cure mediche possono chiedere di votare per corrispondenza.

Per farlo devono presentare domanda di opzione per il voto all’estero direttamente al proprio Comune italiano di residenza; la richiesta può essere inviata anche per posta elettronica e deve essere presentata al Comune tassativamente entro il 19 agosto
2020.

Le domande presentate dopo tale data non potranno essere prese in considerazione ma l’interessato conserverà ovviamente il diritto di votare in Italia nel proprio seggio abituale.

Le stesse norme si applicano anche ai familiari conviventi che si trovano all’estero, e la richiesta può essere revocata entro lo stesso termine del 19 agosto 2020.


 
 
 

 

Cosa occorre per votare

Per votare occorre avere compiuto 18 anni e presentarsi al seggio con la tessera elettorale e un documento d'identità, anche scaduto, purché la persona risulti riconoscibile.
E' accettata anche l'identificazione da parte del personale in servizio ai seggi o da persone conosciute dal personale dei seggi.

 
 
 

 
 

Istruzioni per le operazioni di voto nei seggi

Si vota apponendo un segno sulla casella contenente il SI o il NO al quesito.

- Scegliendo SI si approva la legge di modifica della Costituzione già approvata dal Parlamento.
- Scegliendo NO si sceglie che non diventino efficaci le modifiche alla Costituzione previste nella legge.


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Data Ultima Modifica:
23 Settembre 2020

Data di Pubblicazione:
24 Febbraio 2014

Per contattare gli uffici comunali scrivi a facile@comune.cesena.fc.it

Qualora questo articolo dovesse contenere errori o inesattezze si prega di segnalarlo a redazioneweb@comune.cesena.fc.it