1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Sogni artici. Sotto le aurore boreali

Galleria Pescheria, dal 18 dicembre al 30 gennaio

Collocata nella Galleria Pescheria, e per tutto l’arco delle vacanze natalizie fino all’Epifania compresa (18 dicembre - 6 gennaio, prorogata al 9), resa possibile dalla collaborazione con il Comune di Cesena e Romagna Iniziative, la mostra itinerante SOGNI ARTICI - SOGNANDO SOTTO LE AURORE (prima di Cesena era stata esposta a Genova, a Rovereto, a L’Aquila) rappresenta la proposta più affascinante e più nuova per agganciare un pubblico di ogni fascia d’età al tema della luce, un fattore così connaturato alla vita da risultare addirittura scontato e dunque difficile da affrontare con modalità divulgative. Ci vuole “luce nuova” come quella delle Aurore boreali, un fenomeno
inusuale per noi, ma così splendido e così evanescente da attrarre come una chimera.

L’Aurora Boreale ha queste caratteristiche e da qualche tempo ormai è oggetto di attenzione da parte dei media, soprattutto in occasione di eccezionali apparizioni. Ma averne visto qualche flash
in tv non basta. Le Aurore meritano un’attenzione più guidata e uno sguardo più prolungato e meditato.
Una mostra, dunque, come strumento ideale per suscitare curiosità e aggiungere conoscenza.

IL PROFILO DELLA MOSTRA
La Mostra fotografica e documentaria, così come l’architettura del libro di Ada Grilli, Aurore Polari (Leading Edizioni, ^ ed., presente al book shop della mostra) offre un excursus completo sul fenomeno, a partire da uno sguardo scientifico, con incursioni nel mito, nella storia, nell’arte, nella letteratura con esito scenografico di sicura attrattiva.
Nella sezione scientifica si prospetta un viaggio virtuale dalla Terra al Sole (il motore delle Aurore), in sei tappe dalla terra al Sole, su grafica a pavimento, calpestabile, in modo da rendere il viaggio immaginabile con sei lunghi passi.
Otto personaggi in cerca di Aurore (Gauss, Hess, Appleton, Akasofu, Birkeland, Chapman, Parker, Galileo) da un pannello in cui si vedono riuniti in una immaginaria sala conferenze, indicheranno i progressi della scienza nel campo delle relazioni Terra-Sole, nell’arco di cinque secoli.
La meteorologia spaziale e le caratteristiche morfologiche del fenomeno sono presentate in forma ben comprensibile su pannelli e con materiali audiovisivi a ciclo continuo su grande schermo.

Nella sezione fotografica stampe di medie e grandi dimensioni presentano foto di aurore scattate prevalentemente da Ada Grilli nei Paesi Artici frequentati da oltre vent’anni. La Galleria fotografica è arricchita poi da riproduzioni di opere d’arte e assemblaggi di illustrazioni a tema mitologico dai Paesi del Nord del Pianeta dove l’aurora Boreale fa parte del vissuto quasi quotidiano dei popoli che vi abitano. Libri antichi in varie lingue e di varie epoche completano la documentazione scientifica.
La sezione d’arte presenta una collezione di gioielli d’argento rame e bronzo prodotti appositamente per la Mostra da una artista pisana.
La Mostra infine è anche sede di ben dieci laboratori per tutta la durata dell’esposizione, pensati per un pubblico di ogni età a partire dai cinque anni.

Orari
dal 18 dicembre al 6 gennaio - prorogata al 30 gennaio
mercoledì, sabato e domenica 10.30-12.30 e 15.30-18.30
martedì, giovedì e venerdì 15.30-18.30
lunedì chiuso

L'ingresso alla mostra è gratuito e libero. Obbligatorio il "super green pass".
Per info e prenotazioni: leadingedizioni@gmail.com tel. 380.1227025

Durante il periodo dell'esposizione sono previste lezioni, laboratori e proiezioni di filmati (eventi a prenotazione e a pagamento).
Per le informazioni e le prenotazioni delle attività si rimanda a leadingedizioni@gmail.com o al tel. 380 1227025.