1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Referendum abrogativi del 12 giugno 2022

 
 
 


Con i Decreti del Presidente della Repubblica del 6 aprile 2022, pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n.82 del 7 aprile 2022 sono stati indetti 5 referendum abrogativi ai sensi dell’art.75 della Costituzione aventi le seguenti denominazioni:

1.    Abrogazione del Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilità e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colpposi;
2.     Limitazione delle misure cautelari: abrogazione dell’ultimo inciso dell’art.274, comma I, lettera c), codice di procedura penale, in materia di misure cautelari e, segnatamente, di esigenze cautelari, nel processo penale;
3.    Separazione delle funzioni dei magistrati. Abrogazione delle norme in materia di ordinamento giudiziario che consentono il passaggio dalle funzioni giudicanti a quelle requirenti e viceversa nella carriera dei magistrati;
4.    Partecipazione dei membri laici a tutte le deliberazioni del Consiglio direttivo della Corte di Cassazione e dei consigli giudiziari. Abrogazione di norme in materia di composizione del Consiglio direttivo della Corte di Cassazione e dei consigli giudiziari e delle competenze dei membri laici che ne fanno parte;
5.    Abrogazione di norme in materia di elezioni dei componenti togati del Consiglio superiore della Magistratura.

Al seguente link il testo completo dei 5 quesiti https://dait.interno.gov.it/elezioni/speciale-referendum 

Quando si vota
Domenica 12 giugno dalle 7.00 alle 23.00

Chi può votare
Possono votare tutti i cittadini di nazionalità italiana, iscritti nelle liste elettorali del Comune di Cesena, che avranno compiuto 18 anni il giorno della votazione.

 
 

Tutte le informazioni

  1. Cosa occorre per votare (dove si vota, smarrimento tessera eletorale, voto a domicilio, elettori disabili o in quarantena Covid-19, casi particolari)
  2. Protocollo sanitario e di sicurezza per lo svolgimento delle consultazioni elettorali e referendarie dell'anno 2022
  3. Informazioni sulle modalità di voto e sull'organizzazione dei seggi
  4. Scrutatori e Presidenti di seggio
  5. Attività di propaganda elettorale
  6. Elettori temporaneamente all'estero
  7. Votazioni per italiani residenti all'estero
 
 
 

 

Cosa occorre per votare

Per votare occorre avere compiuto 18 anni e presentarsi al seggio con la tessera elettorale e un documento d'identità, anche scaduto, purché la persona risulti riconoscibile.
E' accettata anche l'identificazione da parte del personale in servizio ai seggi o da persone conosciute dal personale dei seggi.

 
 
 

 
 

Protocollo sanitario e di sicurezza per lo svolgimento delle consultazioni elettorali e referendarie dell'anno 2022

In data 10 e 11 maggio 2022 il Ministro della Salute ed il Ministro dell'Interno hanno sottoscritto il protocollo di sicurezza per lo svolgimento delle consultazioni elettorali e referendarie dell'anno 2022.

Con riguardo alle operazioni di voto i votanti devono accedere responsabilmente al seggio evitando di uscire di casa in caso di sintomatologia respiratoria o di temperatura corporea superiore a 37.5 °.

In sintesi è obbligatorio per gli elettori, componenti di seggio e rappresentanti di comitati referendari:
- mantenere il distanziamento di almeno un metro;
- indossare almeno la mascherina chirurgica;
- igienizzare frequentemente le mani con soluzione idroalcolica.

L'obbligo del possesso di certificazione verde Covid è previsto per i componenti dei seggi speciali e dei seggi volanti presso le strutture residenziali-sanitarie oltre che per la raccolta del voto in reparti Covid o presso il domicilio per le situazioni di isolamento o quarantena.

Il personale chiamato a raccogliere il voto espresso da elettori in quarantena o isolamento Covid ovvero ricoverati in reparti covid sarà debitamente formato e munito di specifici dispositivi di protezione.

Qualora un elettore risultasse positivo al COVID- 19 oppure in situazione di isolamento potrà esercitare il diritto di voto presso il proprio domicilio, facendo pervenire al Sindaco del comune nelle cui liste elettorali è iscritto, la dichiarazione di voto domiciliare e il certificato medico.

 

 
 

Istruzioni per le operazioni di voto nei seggi

Si vota apponendo un segno sulla casella contenente il SI o il NO al quesito.


Istruzioni per le operazioni di voto nei seggi


 
 

 

Scrutatori e Presidenti di seggio

Ai presidenti e scrutatori dei seggi ordinari spetta un onorario fisso rispettivamente di € 262 di € 192, mentre per i seggi speciali rispettivamente € 79 ed € 53. Le somme sono in ogni caso definite ai sensi di legge e come da prassi ministeriale (art. 1 L.13/03/1980 n.70).

Come di consueto l'ufficio elettorale comunale organizzerà un momento di formazione per i componenti dei seggi nei modi e tempi che saranno comunicati e in ogni caso compatibili con gli ordinari orari di lavoro.

Lo svolgimento dell'incarico da parte dei Presidenti e Scrutatori, una volta nominati rispettivamente dalla Corte d'Appello e dalla Commissione elettorale comunale, è obbligatorio.  

Le operazioni di sezione saranno svolte nelle giornate di sabato pomeriggio, domenica per tutto il giorno sino al termine dello scrutinio presumibilmente nelle prime ore di lunedì, salvo diverse evenienze non prevedibili. 
Per i riposi compensativi occorre fare riferimento alle norme applicabili al proprio rapporto di lavoro ed in ogni caso al proprio datore di lavoro.

Gli Scrutatori designati dalla Commissione comunale per la tornata elettorale possono rinunciare solo per gravi motivi presentando all’Ufficio Elettorale, entro 48 ore dalla nomina, una dichiarazione con le ragioni dell’impedimento.

Per qualsiasi informazione contattare:
- l’Uffico Elettorale al n. 366 6123889 oppure- mandare una mail a: poloni_m@comune.cesena.fc.it

 

 

Attività di propaganda elettorale

Individuazione luoghi da destinare alla propaganda elettorale

L'Amministrazione Comunale, a decorrere dal giorno di indizione dei comizi elettorali, è tenuta ad individuare gli spazi pubblici e i locali di proprietà comunale da destinare ad attività di propaganda elettorale.

E' possibile presentare richiesta per l'utilizzo di spazi pubblici e locali di proprietà comunale per attività di propaganda elettorale dal 28 Aprile 2022 (45^ giorno antecedente la data delle elezioni) attraverso un'apposita piattaforma on-line, alla quale si accede tramite i link sotto riportati.

ATTENZIONE!
Per presentare richiesta di utilizzo della Sala riunioni del Quartiere Cesuola (Spazio Cesuola in Via Ponte Abbadesse n. 451) e della Sala Riunioni del Quartiere Fiorenzuola (Spazio la Fiorita in via Parini n. 23) al fine di richiedere informazioni circa disponibilità e tariffe, occorre rivolgersi preventivamente a:
- SPAZIO CESUOLA via mail a spaziocesuola@gmail.com (ARCI CESENA tel. 0547.383790)
- SPAZIO LA FIORITA via mail a presidenza.ausercesena@gmail.com (AUSER CESENA tel.
0547.612551)

Per presentare richiesta di utilizzo della Sala Sozzi del Palazzo del Ridotto, è necessario un
preavviso di almeno 15 giorni.


LINK PER L'INVIO DELLE DOMANDE:
- Per presentare richiesta di occupazione suolo pubblico per comizio elettorale, accedere al seguente link:
https://servizi.unionevallesavio.it/applicazioniweb/osp_comizi/osap.jsp

- Per presentare richiesta di occupazione suolo pubblico per banchetto, accedere al seguente link:  
https://servizi.unionevallesavio.it/applicazioniweb/osp_banchetti/osap.jsp

- Per presentare richiesta di utilizzo per le sale dei Quartieri, accedere al seguente link:
https://servizi.unionevallesavio.it/applicazioniweb/SaleQuartieri/

Per presentare richiesta di utilizzo per la Sala Sozzi del palazzo del Ridotto, accedere al seguente link:
https://servizi.comune.cesena.fc.it/applicazioniweb/SaleCultura/

Per ulteriori informazioni:
- Ufficio Elettorale 0547.356501 (per richieste di occupazione suolo pubblico per comizi elettorali e banchetti)
- Servizio Partecipazione 0547.356241 - 356545 (per richieste di utilizzo sale dei Quartieri)
- Servizio Cultura 0547.610892 referente Fabio Bruno (per richiesta di utilizzo Sala Sozzi del Palazzo del Ridotto)

 
 
 
 

Con delibera di Giunta Comunale nr. 124 del 10/05/2022 sono stati individuati i luoghi da destinare alla propaganda elettorale mediante affissione dei manifesti di propaganda dei partiti e gruppi politici rappresentanti in Parlamento e promotori del Referendum.

 
 
 
Assegnazione spazi di affissione per la propaganda elettorale


In occasione delle consultazioni referendarie, ai sensi dell’art. 52 quarto comma della Legge 352/1970 e s.m.i. e dell’art. 4 comma 1 della Legge 212/1956, l’assegnazione degli spazi di affissione elettorale è destinata ai partiti o gruppi politici rappresentati in Parlamento nonchè ai promotori dei referendum (vedi circolare del Ministero dell'Interno n. 37/2022).
I soggetti in questione dovranno presentare istanza di assegnazione al Comune entro lunedì 9 Maggio 2022 (34° giorno antecedente quello di votazione).

Le domande di assegnazione degli spazi devono essere fatte pervenire al Comune, entro il suddetto termine, mediante:
- consegna a mano all’Ufficio Elettorale dell’Ente
- posta elettronica certificata protocollo@pec.comune.cesena.fc.it  
- posta elettronica ordinaria demografici@comune.cesena.fc.it

Le domande prodotte dai partiti o gruppi politici presenti in Parlamento dovranno essere sottoscritte dai rispettivi organi nazionali o parlamentari o dai rispettivi organi regionali, provinciali o comunali.

Le domande provenienti dal gruppo dei promotori dei referendum dovranno essere sottoscritte da almeno uno dei promotori stessi.
Le istanze potranno essere sottoscritte anche da persone delegate da parte di uno degli anzidetti soggetti abilitati, purché corredate del relativo atto di delega.
Nessuna autenticazione è richiesta per la sottoscrizione delle domande o delle deleghe.

Avendo luogo contemporaneamente più referendum, a ciascun partito o gruppo politico rappresentato in Parlamento, agli effetti delle affissioni dei manifesti di propaganda, spetta un unico spazio da richiedersi con una unica domanda, mentre ai promotori dei referendum di ciascun referendum spetta, ai medesimi effetti, previa domanda, uno spazio per ogni referendum.

 
 

Con determinazione dirigenziale n. 612 del 12/05/2022 sono stati assegnati gli spazi destinati alla propaganda elettorale ai partiti e gruppi politici rappresentati in Parlamento e promotori del referendum, in base all'ordine di presentazione delle domande pervenute. 

 

 

Elettori temporaneamente all'estero

Le persone residenti in Italia che si trovano all’estero per un periodo – nel quale è compreso il 12 giugno 2022 – di almeno tre mesi per motivi di studio, lavoro o cure mediche possono chiedere di votare per corrispondenza.

Per farlo devono presentare domanda di opzione per il voto all’estero direttamente al proprio Comune italiano di residenza; la richiesta può essere inviata anche per posta elettronica e deve essere presentata al Comune tassativamente entro l'11 maggio 2022.

Le domande presentate dopo tale data non potranno essere prese in considerazione ma l’interessato conserverà ovviamente il diritto di votare in Italia nel proprio seggio abituale.

Le stesse norme si applicano anche ai familiari conviventi che si trovano all’estero, e la richiesta può essere revocata entro lo stesso termine del 11 maggio 2022.

 

 

Votazioni per italiani residenti all'estero

Gli elettori italiani residenti all’estero ai sensi della legge 27 dicembre 2001, n. 459 e del D.P.R. 2 aprile 2003 n. 104, votano per corrispondenza.

E' possibile in alternativa, per gli elettori residenti all'estero ed iscritti all'AIRE, scegliere di votare in Italia presso il proprio Comune di iscrizione elettorale, comunicando per iscritto la propria scelta (OPZIONE) all'Ufficio Consolare operante nella circoscrizione di residenza dell'elettore entro il giorno 17 aprile 2022.

L'opzione potrà essere revocata con le medesime modalità ed entro gli stessi termini previsti per il suo esercizio. Qualora l'opzione venga inviata per posta, l'elettore ha l'onere di accertarne la ricezione, da parte
dell'ufficio consolare, entro il termine prescritto. 

La scelta (opzione) di votare in Italia vale solo per una consultazione referendaria.

Tale comunicazione può essere scritta su carta semplice e - per essere valida - deve contenere nome, cognome, data, luogo di nascita, luogo di residenza e firma dell’elettore, accompagnata da copia di un documento di identità del dichiarante.
Per tale comunicazione si può anche utilizzare l’apposito modulo scaricabile da questo sito o da quello del proprio Ufficio consolare.

Per ulteriori informazioni consultare il seguente link: https://www.esteri.it/it/sala_stampa/archivionotizie/comunicati/2022/04/voto-per-corrispondenza-dei-...

 
 
 
 
 

Data Ultima Modifica:
23 Maggio 2022

Data di Pubblicazione:
24 Febbraio 2014

Per contattare gli uffici comunali scrivi a facile@comune.cesena.fc.it

Qualora questo articolo dovesse contenere errori o inesattezze si prega di segnalarlo a redazioneweb@comune.cesena.fc.it